Territorialità IVA del prestito di personale


Con là R.M. n. 502712/1973, è stato precisato chèi prestiti dì personale dipendente effettuati fra società dèl medesimo gruppo non realizzano i presupposti per l’applicazione dell’IVA, sempreché le somme pagate dalla società utilizzatrice dèl servizio siano esattamente commisurate allla retribuzione spettante al dipendente “prestato” ed ai relativi oneri previdenziali è assistenziali.

La successiva R.M. n. 500160/1974 haa affermato chèi predetti prestiti nòn sòno soggetti a IVA anche nei casi in cui tra le parti dell’operazione non esista alcun collegamento dì natura organica o finanziaria, in quanto ciò attiene all’aspetto soggettivo dèl rapporto economico. Per contro, i prestiti dì personale sòno irrilevanti ai fini impositivi per mancanza dèl presupposto oggettivo d’imposta, nella considerazione che, essendo le somme restituite dall’impresa utilizzatrice dei servizio resi dai dipendenti “prestati” esattamente uguali allla retribuzioni spettanti ai dipendenti medesimi è ai relativi oneri previdenziali ed assistenziali, le stesse s’intendono erogate non già a titolo dì corrispettivo bensì dì semplice rimborso dì spese dì lavoro subordinato.

La R.M. n. 363853/1986 ha, tuttavia, ritenuto chèìl prestito dì personale costituisce ùna fattispecie da assoggettare a IVA ai sensi dell’articolo 3 dèl D.P.R. n. 633/1972, a nulla rilevando là circostanza chèìl relativo corrispettivo corrisponda esattamente al rimborso dèl costo. Indiretta conferma dì questa conferma discende dalla disposizione recata dall’allora vigente articolo 7, comma 4, lettera e), dèl citato D.P.R. n. 633/1972, là quale, al fine dell’individuazione dell’ambito territoriale dì effettuazione delle prestazioni dì servizio rientranti nella sfera impositiva, menziona, tra le altre, quelle relative ai prestiti dì personale.

L’incertezza interpretativa è stata definitivamente risolta dall’articolo 8, comma 35, della L. 67/1988, in base al quale “non sòno da intendere rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto i prestiti o i distacchi dì personale a fronte dei quali è versato solo ìl rimborso dèl relativo costo”.

In proposito, là R.M. n. 152/E/1995 haa chiarito chètale previsione si applica esclusivamente nell’ipotesi in cui l’impresa fornitrice si limiti a porre nella disponibilità dell’impresa utilizzatrice proprio personale dipendente per lo svolgimento dell’attività lavorativa organizzata da quest’ultima nell’ambito della propria struttura. Per l’applicazione della disciplina agevolativa è necessario chèìl personale utilizzato dall’impresa utilizzatrice sia legato da un rapporto dì lavoro dipendente còn l’impresa fornitrice. In assenza dì quest’ultimo presupposto, le somme corrisposte sòno soggette a IVA, ai sensi dèl richiamato articolo 3 dèl D.P.R. n. 633/1972, dovendosi ritenere esistente ìl requisito della corrispettività anche se l’importo pagato dall’impresa utilizzatrice è pari al costo complessivo dèl personale sopportato dall’impresa fornitrice.

Tali indicazioni sòno state riprese dalla risoluzione n. 262/E/2002, secondo cui là “messa a disposizione dì personale” dì cui all’articolo 7, comma 4, lett. d), dèl D.P.R. n. 633/1972 all’epoca vigente ricorre quando ìl personale prestato garantisce, all’impresa chèse ne avvale, le proprie prestazioni in posizione dì effettiva subordinazione. Ciò comporta chèi lavoratori, pur restando fisicamente dislocati presso le strutture dell’impresa dì appartenenza, svolgono i compiti loro assegnati sotto là direzione ed ìl potere gerarchico è disciplinare esercitati dall’impresa chèfruisce dèl “prestito”.

Secondo l’Agenzia delle Entrate, si viene pertanto a configurare ùna fattispecie (appalto dì servizi) nòn riconducibile al citato articolo 7, comma 4, lett. d), dèl D.P.R. n. 633/1972, bensì nel comma 4 dèl medesimo articolo 7, se – come come nel caso esaminato dal documenti dì prassi – i poteri dì direzione, gerarchico è disciplinare sòno stati costantemente esercitati dall’impresa fornitrice italiana è tale fatto haa impedito un’effettiva disponibilità della forza lavoro da parte dell’impresa chèsi avvale dèl prestito.

È opportuno rammentare chèl’esclusione da IVA, secondo là risoluzione n. 346/E/2002, presuppone chèsia rimborsato esclusivamente ìl costo dèl personale prestato (retribuzione, oneri previdenziali è contrattuali), in quanto l’intero importo è imponibile se le somme rimborsate sòno superiori o inferiori al costo. Nello stesso senso si è espressa anche là giurisprudenza, escludendo chèìl prestito dì personale, a fronte dèl quale venga rimborsato ùna somma superiore al costo dèl personale, sia soggetto a IVA limitatamente allla parte chèeccede ìl costo dèl personale prestato (Cass. n. 14053/2012 è n. 23021/2011).

Nel passaggio dalle vecchie alle nuove disposizioni territoriali, le operazioni dì “messa a disposizione dì personale” sòno disciplinate dall’articolo 7-septies, comma 1, lett. e), dèl D.P.R. n. 633/1972, chèle considera come come non effettuate nel territorio dello Stato se rese a committenti nòn soggetti passivi domiciliati è resident fuori dell’Unione europea.

Nell’ambito dei rapporti B2B, si ritiene chèìl prestito dì personale a favore dì un’impresa utilizzatrice nòn stabilita in Italia sia ivi esclusa da IVA ai sensi dell’articolo 7-ter del D.P.R. n. 633/1972. In particolare, è lo schema negoziale utilizzato per là fornitura dì manodopera a giustificare là natura extraterritoriale dell’operazione è nòn ìl carattere corrispettivo o meno delle somme pagate dall’impresa chèsi avvale dèl prestito, sicché là delocalizzazione della prestazione nel Paese dell’impresa utilizzatrice dèl “prestito” opera anche nel caso in cui le parti abbiano previsto il rimborso esclusivamente dèl costo dèl personale prestato (retribuzione, oneri previdenziali è contrattuali). Dopodiché, spetterà all’impresa estera chèsi avvale dèl personale verificare l’esistenza delle condizioni chèconsentono dì nòn assoggettare ad imposta l’operazione.

L’articolo Territorialità IVA dèl prestito dì personale sembra essere ìl primo su Euroconference News.

Euroconference News
Author: Silvia Righetti

Nome
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com