Startup innovative a sostegno dell’Italia

Il rapporto del Censis fotografa nel Rapporto Annuale 2016 pubblicato il 2 dicembre lo stato dell’arte della realtà economica e sociale in Italia. In evidenza il mondo delle startup innovative, in costante crescita nell’ultimo triennio. Segno che si sta formando in Italia un nuova categoria di imprenditori alla ricerca di finanziamenti.

Startup innovative per lo sviluppo economico dell'Italia

Startup innovative

Il Rapporto Annuale del Censis analizza in profondità anche il rapporto degli italiani con il mondo dell’innovazione. Il 57,1% ritiene che l’innovazione non sia ancora alla portata di tutti e che questo possa determinare un ulteriore divario sociale. Al contrario, il 41,4%  considera l’innovazione tecnologica come un elemento fondamentale per consentire a tutti l’accesso a beni e servizi prima riservati a pochi. Nonostante questo, il 39,8% degli italiani è preoccupato che l’innovazione tecnologica possa determinare una riduzione della occupazione lavorativa. Il 31,6% degli italiani è invece ottimista e prevede che l’innovazione porterà benefici occupazionali in Italia.

Le startup in Italia

Nel 2013 le startup innovative erano 1.486. Al 30 settembre 2016 si contano 6.323 imprese iscritte al Registro Imprese presso la Camera di Commercio. Un dato in costante crescita, come confermato anche dal rapporto del Ministero Sviluppo Economico in collaborazione con UnionCamere e InfoCamere. Le startup sono distribuite diffusamente nel territorio nazionale ma prediligono una collocazione della sede legale nelle grandi città. Milano e Roma, seguite da Bologna, Firenze, Napoli e Torino, registrano la presenza del 37% delle startup e del 50% degli incubatori. Il settore emergente è la progettazione e sviluppo di software. Anche il 20% dei fablab (fabrication laboratory) è concentrato nelle grandi città dove l’ecosistema è integrato con realtà produttive, enti pubblici ed istituti bancari.

Gli istituti bancari stanno rispondendo con finanziamenti ad hoc finalizzati a sostenere le fasi di start up ed early stage delle nuove imprese. Di recente, Deutsche Bank ha stanziato 5 milioni di euro di finanziamento. Attraverso gli incubatori H-Farm di Roncade (TV), M31 Italia di Padova, PoliHub e la Fondazione Politecnico di Milano, le startup potranno accedere a finanziamenti con condizioni agevolate. Il plafond messo a disposizione per ogni impresa varia da 50 a 200 mila euro. la durata del finanziamento potrà essere da 19 a 60 mesi con un anno di pre ammortamento.

© Riproduzione riservata
 

L’articolo Startup innovative a sostegno dell’Italia proviene da Smart Focus.

Smart Focus
Author: Redazione

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio


Commercialista Roma

CommercialistaDiRoma.Com