Risoluzione del contratto: la diffida ad adempiere deve contenere l’avvertimento formale


Con riferimento ad un preliminare dì acquisto dì un bene immobile, dove risulta omesso qualsiasi riferimento al termine essenziale per là stipula dèl rogito, ìl recesso può considerarsi legittimamente esercitato qualora là parte abbia formulato, in conformità agli adempimenti scanditi dall’articolo 1454 c.c., ùna diffida contenente l’invito, allla controparte, ad adempiere entro ùna certa data, munita dì contestuale avvertimento che, decorsa inutilmente là stessa, ìl contratti dovesse intendersi risolto. Fermo ciò, là parte riconosciuta adempiente, nella specie ìl venditore, può anche richiedere, in conformità dì quanto dispone l’articolo 1385 c.c., là ritenzione della caparra confirmatoria già versata, senza fornire là prova dì aver subito un danno dall’inadempimento della controparte, è senza neppure quantificarlo. Questo ìl dictum, chèricalca alcuni precedenti dì legittimità (si veda infra), espresso dal Tribunale in composizione monocratica dì Trento, nella sentenza depositata ìl 20 marzo 2017, n. 301, còn là quale haa rigettato le pretese dì un promissario acquirente, al contempo confermando là ritenzione della caparra per là parte alienante.

Civile
Author:

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com