Rappresentante fiscale: tutto quello che c’è da sapere

Rappresentante fiscale: tutto quello che c’è da sapere

Rappresentante fiscale: tutto quello che c’è da sapere

  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

Il rappresentante fiscale è una persona che risiede nel territorio dello Stato, può essere sia una persona fisica che giuridica; viene delegato ad agire in nome e per conto di aziende estere che vogliono porre in essere scambi commerciali con il nostro Paese.

Le aziende estere che vogliono entrare nel mercato italiano dovranno compiere una serie di operazioni importanti ai fini IVA al fine di di realizzare profitti in Italia.

Caso pratico, Tuvia Italia – Kerry Logistics: Premio Capital Elite

La Tuvia Italia si è posta come rappresentante fiscale al fine di agevolare gli scambi internazionali di merce e rendere più agevole l’ingresso nei mercati esteri.

La Tuvia Italia/Kerry Logistics offre servizi internazionali di trasporti terrestri, aerei, marittimi; logistica per fiere, per e-commerce e logistica integrata. L’anno scorso a maggio la società asiatica Kerry Logistics ha acquisito la Tuvia Italia ampliandone il portafoglio; ciò ha consentito di offrire ai clienti soluzioni avanzate nel settore trasporti e logistica.

La Tuvia Italia ha ricevuto un importante riconoscimento, è stata premiata per il suo lavoro di rappresentante fiscale dalle due più famose compagnie cinesi di bike sharing “non-docking” per l’avvio delle relative attività in Italia utilizzando i nuovi servizi ferroviari Cina-Europa.

Cos’è l’IVA secondo il D.P.R 26 OTTOBRE 1972, N. 633?

L’ IVA è un’imposta indiretta istituita con D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633.
Indiretta perchè questa imposta colpisce i nostri consumi.

Va a diminuire la nostra ricchezza nel momento in cui utilizziamo i nostri soldi per acquistare un prodotto gravato dall’IVA.

Quante volte troviamo esposto un prodotto con IVA inclusa, oppure IVA esclusa? Sicuramente tutte le volte che desideriamo acquistare ciò che ci piace.

L’IVA, infatti colpisce il reddito di tutti i consumatori finali quando spendiamo.

MECCANISMO: detrazione di imposta da imposta

L’IVA si dice che è a “valore aggiunto” come recita l’art.1 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 a proposito di operazioni imponibili; in quanto ci si riferisce alla differenza tra il valore dei beni e servizi prodotti e venduti e il valore dei beni e servizi acquistati per realizzare il bene o servizio finale.

Non rappresenta un costo per l’imprenditore perché attraverso il meccanismo della liquidazione dell’Iva, detrazione di imposta da imposta, può avere un credito IVA e riscuotere l’IVA, originata dalla differenza tra l’IVA sulle fatture emesse nel periodo di riferimento e l’IVA relativa alle fatture di acquisto, oppure può avere un debito verso l’Erario e versare l’IVA dovuta.

Diverso è il caso del consumatore finale e i soggetti non titolari di partita IVA che non possono scaricarsi l’IVA dal prezzo d’acquisto dei prodotti, dunque per tlai soggetti rappresenta un onere a loro carico.

OBBLIGHI: rappresentante fiscale

Qualora le aziende estere non abbiano una stabile organizzazione in Italia, o non possano identificarsi come soggetti passivi IVA perché magari non appartengono ai paesi dell’UE come stabilito dall’art 17, comma 2 D.P.R. n. 633/1972 sono obbligati a nominare un rappresentante fiscale in Italia, in qualità di mandatario, che assiste l’azienda estera.

Per poter esercitare la sua funzione il rappresentante fiscale deve aprire la propria partita iva utilizzando o il modello AA/7 o AA/10. Può avere anche più partite IVA per rappresentare le aziende estere non residenti.

RESPONSABILITA’: rappresentante fiscale

Il rappresentante fiscale sarà responsabile in solido di tutti gli adempimenti fiscali previsti dall’ art. 17 comma 3 D.P.R. n. 633/1972 con l’azienda estera, sia per quanto riguarda la fatturazione, che la registrazione documentale e il versamento delle imposte, nonché le eventuali sanzioni.

Pertanto dovrà occuparsi della liquidazione IVA, della sua detrazione o rimborso, della dichiarazione annuale IVA.

NOMINA: rappresentante fiscale

La sua nomina è obbligatoria; avviene o per atto pubblico; con scrittura privata registrata; con lettera annotata presso l’ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate prima che venga effettuata l’operazione soggetta ad IVA nel domicilio del rappresentante fiscale secondo le modalità prevista dall’ art. 35 del DPR n. 633/1972, prima del passaggio dei beni.

Qualora la lettera di incarico venga annotata tardivamente l’atto di nomina non produrrà alcun effetto, infatti, se manca una valida nomina del rappresentante, l’Ufficio dell’ Entrate non potrà stabilire una data certa dalla quale far decorrere gli effetti derivanti dalla rappresentanza.

Un consiglio: prima di maturare l’idea e abbracciare il sogno di un eventuale inizio attività internazionale vi invito a leggere il seguente articolo e a verificare che la persona da voi scelta, in qualità di vostro rappresentante fiscale, abbia tutti i requisiti e abbia adempiuto a tutti gli obblighi a suo carico prima di accettare il vostro mandato.

Se anche tu pensi di aver bisogno di un rappresentante fiscale, non esitare a contattarci!

Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Corporate Tax Consultant, Advisor e CTU del Tribunale di Roma con una solida esperienza Aziendale in attività di Amministrazione, Finanza, Controllo di Gestione, Pianificazione Strategica, Business Planning, HR e di gestione di progetti di Start-up aziendali, di Riorganizzazione e Change Management maturata in prestigiose aziende Nazionali e Internazionali