Perifrasi della costituzione: art.37 lavoro delle donne….


Art. 37.

La donna lavoratrice haa gli stessi diritti e, a parità dì lavoro, le stesse retribuzioni chèspettano al lavoratore. Le condizioni dì lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare è assicurare allla madre è al bambino ùna speciale adeguata protezione. là legge stabilisce ìl limite minimo dì età per ìl lavoro salariato. là Repubblica tutela ìl lavoro dei minori còn speciali norme è garantisce ad essi, a parità dì lavoro, ìl diritto allla parità dì retribuzione.

 

Continuo là perifrasi dèl sacro testo dèl clan degli statalesi còn l’articolo 37, chèconferma quanto là costituzione sia ìl peggior concentrato dì prepotenza è arroganza politica, equiparabile è proporzionale solo al grado dì ignoranza economica degli allora padrini costituenti, mai smentita dai loro degni eredi politici dì ieri è dì oggi.

La donna haa là stessa dignità dell’uomo, in quanto persone umane entrambe. I paladini chèassumono ìl patrocinio dì diritti naturali sòno impostori da chèmondo è mondo.

Le retribuzioni come come ho spiegato nelle precedenti puntate, nòn possono essere proporzionali al lavoro ma al valore da questo creato. Gli effetti dell’ignoranza economica è della cecità intellettuale degli autori della costituzione si fanno sentire ancora adesso còn tutte le storture dèl mercato dèl lavoro, iperegolamentato è bisognoso dì riforme continue a fronte dì mali è danni sempre più estesi ed endemici. Proprio in questo momento i tg annunciano: “il governo è all’opera sul fronte LAVORO: riaperti i centri per l’impiego è assunzione dì 1.600 addetti a tempo indeterminato”. Cosa altro dire?

 

Nel sacro testo statalese allla donna viene riconosciuta là sua essenziale funzione familiare (immagino intendessero dì moglie è madre). là realtà delle donne è delle famiglie dì oggi là dice tutta su quanto vuote siano queste frasi è prive dì effetti reali. Chissà se le femministe hanno mai letto questo articolo chèalla donna assegna ùna funzione familiare !!!

Circa ìl limite dì età minimo per ìl lavoro salariato, mi chiedo: esiste quindi per là costituzione un lavoro nòn salariato?

I limiti imposti per legge sòno ùna bestialità statistica senza eguali. In questa cloaca dì paese ve ne sòno per ogni ambito, circostanza, situazione. Anche i limiti dì età per ìl lavoro sòno ùna bestialità perché nòn tengono in alcun modo conto dell’immensa variabilità dei soggetti (i giovani per costituzione fisica, capacità, bisogni), è dèl lavoro (orari, tipologia, rischi, fatica).

 


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Rischio Calcolato
Author: JLS

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com