Perché Brexit e sterlina debole non faranno bene al Regno Unito


Perché Brexit e sterlina debole non faranno bene al Regno Unito

di Robert SkidelskyL’effetto economico più drammatico del voto Brexit del Regno Unito è stato il crollo della sterlina. Dal mese di giugno, la sterlina è si è svalutata in media del 16%. Mervyn King, il precedente governatore della Banca d’Inghilterra, ha salutato il tasso di cambio più basso come un cambiamento positivo. Infatti, con un deficit delle partite correnti della Gran Bretagna passato a oltre il 7% del PIL – di gran lunga il più grande dall’inizio del rilevamento dei dati nel 1955 – il deprezzamento può essere considerato come una manna. Ma è vero?

Gli economisti sostengono in genere che il modo per bilanciare i conti con l’estero di un paese è attraverso una diminuzione di valore della sua moneta, il che renderebbe le importazioni più costose e le esportazioni più competitive, portando le prime a una contrazione e le seconde ad aumentare. I prezzi all’importazione più elevati – una perdita netta per il paese – sarebbero compensati dalla maggiore occupazione e dai salari generati dalla posizione più competitiva delle esportazioni del paese.
Ma perché deprezzamento della moneta funzioni, la maggior domanda di esportazioni deve verificarsi in prossimità della caduta del tasso di cambio, (o, come dicono gli economisti, l’elasticità della domanda per le esportazioni deve essere alta). Ma diversi studi hanno dimostrato che l’elasticità della domanda per le esportazioni del Regno Unito è bassa. Ad esempio, un recente lavoro di Francesco Aiello, Graziella Bonanno, e Alessia Via del Gruppo di Studio Europeo per il commercio ritiene che “il livello di lungo periodo delle esportazioni sembra essere scorrelato dal tasso di cambio reale per il Regno Unito”.
Questo significa che i consumatori e i produttori britannici dovranno sopportare l’intero peso della svalutazione: il loro consumo di importazione sarà razionato attraverso un forte aumento dell’inflazione dei prezzi, con nessun guadagno di compensazione per le esportazioni. E non si tratta solo di una proposizione teorica. Nel 2008-09, quando il resto del mondo era sull’orlo della deflazione, il Regno Unito stava sopportando una recessione inflazionistica, con il PIL che si contraeva ad un tasso superiore del 6,1% su base annua, mentre l’inflazione ha raggiunto qualcosa come il 5,1%. Ciò si è verificato perché tra il 2007 e il 2008 sterlina è scesa più del 21%.
Inoltre, anche se il deficit delle partite correnti si è ridotto a circa l’1,7% del PIL nel 2011, il miglioramento è stato solo temporaneo. Dopo il 2011, il disavanzo delle partite correnti ha iniziato ad allargarsi di nuovo, anche se la sterlina non recuperava le sue perdite. Detto in gergo economico, il Regno Unito sembra essere affetto da una variante estrema dell’effetto Houthakker-Magee – dal nome di due economisti che hanno scoperto nel 1969 che l’elasticità dei prezzi per le importazioni e le esportazioni potrebbero divergere sostanzialmente, dando origine ad una tendenza permanente verso squilibri di parte corrente.Il motivo sembra essere la massiccia contrazione del settore manifatturiero nel Regno Unito – da circa il 28% del valore aggiunto lordo nel 1978 a meno del 10% di oggi. Come l’economista Nicholas Kaldor ha sottolineato tempo fa, poiché la produzione manifatturiera ha rendimenti più elevati di scala di quella dei servizi, gli esportatori di prodotti manifatturieri tendono a battere quelli dei servizi.Inoltre, le riforme strutturali a partire dalla metà degli anni 1990 hanno fatto sì che gli esportatori britannici siano profondamente integrati all’interno di catene globali della produzione. Il risultato è che molte delle esportazioni della Gran Bretagna richiedono input importati; così quando la sterlina si deprezza e i prezzi delle importazioni aumentano, l’effetto a catena sui prezzi all’esportazione li rende meno competitivi. I dati OCSE più recenti mostrano che il contenuto di importazioni delle esportazioni del Regno Unito è di circa il 23%, rispetto a circa il 15% per le esportazioni statunitensi e giapponesi.
Per ora, il Regno Unito si basa su afflussi di capitale verso la City di Londra per limitare la caduta della sterlina. Ma, come il crollo del tasso di cambio del 2008 ha mostrato, questa fonte di domanda estera per la sterlina è altamente instabile. Ma quando inevitabilmente ci sarà un cambiamento di direzione questi flussi si invertiranno, sia sterline e le esportazioni avranno un altro colpo.
La peggiore delle ipotesi comporterebbe un forte calo del valore della sterlina, seguito da un’inflazione vischiosa che ha rafforzato l’aumento dei prezzi delle esportazioni britanniche, alimentando ulteriormente il deprezzamento della moneta. Questo ciclo depressivo cesserebbe solo quando i consumatori britannici soffrissero un calo del reddito reale di un’entità tipicamente non rilevata all’infuori dei paesi in via di sviluppo.
Il risultato più probabile è una sorta di effetto di lenta putrefazione, con deprezzamenti periodici che gradualmente conducono ad un abbassamento dei livelli di vita di coloro che si guadagnano da vivere in sterline.
Che cosa si deve fare? Il trucco consisterà solo in una rapida azione di governo che consenta di sostituire le merci attualmente importate con beni di produzione nazionale. La soluzione classica è quella dei controlli sulle importazioni. Ma sono disponibili altre misure meno dannose per le regole del commercio e della cooperazione internazionale.
Alla banca d’investimento nazionale che il partito laburista sta ora sostenendo potrebbe essere dato il mandato di investire in settori con un potenziale di sostituzione di importazione alto. Un’alternativa sarebbe quella di sovvenzionare tali industrie direttamente dal Ministero delle Finanze, con i sussidi legati al prezzo aggiustato per la qualità delle importazioni che sono sostituite. Non appena le merci di produzione nazionale diventassero competitive con le merci straniere, i sussidi sarebbero gradualmente rimossi e l’industria potrebbe camminare con le proprie gambe.
Idealmente, il governo britannico dovrebbe mirare per abbattere le importazioni in percentuale del PIL dagli attuali elevati valori del 30% circa a livelli pre-1974 di circa il 20%. Questo potrebbe sembrare troppo ambizioso, e per il Regno Unito potrebbe essere necessario accontentarsi di un qualcosa intorno al 25% del PIL. Ma se non si fa qualcosa, la Gran Bretagna rischia una perdita permanete di prosperità. Un’economia depressa può essere reflazionata, e un’economia inflazionistica può essere depressa. Ma perdere l’accesso ai mercati esteri cruciali a seguito di movimenti valutari al di fuori del controllo del paese è in gran parte irreversibile.
da Project SyndicateArchiviato in:Economia, Europa Tagged: Gran Bretagna, Regno Unito, Robert Skidelsky, svalutazione, UK

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se ti va di lasciarci un like alla pagina, chiedi informazioni in merito compilando il form qui sotto o in alternativa dici la tua commentando questo articolo alla fine della pagina.
Avvaliti di questo diritto e contribuisci alla costante crescita delle informazioni, perché La libertà di manifestazione del pensiero è uno dei principi Fondamentali nelle Costituzioni

Perché Brexit e sterlina debole non faranno bene al Regno Unito
Keynes blog

richiedi consulenza

[contact-form to=’raffaele@commercialistadiroma.com’ subject=’contatto da wordpress’][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’Cognome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’Email’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Telefono’ type=’text’ required=’1’/][contact-field label=’Oggetto del Contatto’ type=’text’ required=’1’/][contact-field label=’Richiesta / Messaggio’ type=’textarea’ required=’1’/][contact-field label=’Sito Web Presentazione’ type=’url’/][/contact-form]

Tag: Commercialista di Roma, Commercialista Roma, archiviazione digitale, consulenza 360°, Consulenza amministrativa, consulenza fiscale, consulenza legale, consulenza societaria, consulenza sul trust, consulenza tributaria, contattaci, costi contabilita’, difesa dei consumatori roma e lazio, domiciliazioni avvocati a roma, il nostro team, internazionalizzazione imprese, Commercialista Roma, perizie ctu / ctp tribunale di roma, revisione legale dei conti, ricorsi tributari e anatocismo bancario, Business Coaching aziendale, contrattualistica, controllo di gestione, locazione condominio e compravendita, contenzioso roma, Ricorso tributario equitalia, agenzia delle entrate, enti di riscossione o tasse comunali, l’avviso di accertamento. l’avviso di liquidazione, il provvedimento che irroga le sanzioni, il ruolo e la cartella di pagamento, l’avviso di mora, operazioni catastali, il rifiuto, espresso o tacito, restituzione di tributi, sanzioni, interessi o accessori non dovuti, negazione spettanza di agevolazioni rigetto delle domande di definizione agevolata dei rapporti tributari, Perizia Econometrica su Anatocismo Bancario da 350 € – pre-analisi da € 50,00 effettuata su mutui, leasing o conto corrente, Gratis, senza compenso, a titolo gratuito, gratuitamente, senza pagamento, sconto, di scontare, debito, estinzione, saldo, diminuzione del prezzo di vendita di una merce, ribasso, riduzione, aumento, maggiorazione, rincaro, ritocco

Powered by WPeMatico

CommercialistaDiRoma.Com