Nuove associazioni di volontariato e di promozione sociale – III° parte


Le novità più importanti chèriguardano le novellate associazioni dì volontariato è dì promozione sociale sòno relative agli aspetti fiscali è là loro progressiva entrata in vigore.

Il titolo X dèl codice dèl terzo settore (D.Lgs. 117/2017) disciplina ìl regime fisco degli enti dèl terzo settore. All’interno dì questo, ìl capo secondo tratta, nello specifico, là nuova disciplina tributaria dèl volontariato è della promozione sociale.

Partiamo però dal fondo: ossia dall’entrata in vigore. Perché, almeno inizialmente, non cambierà nulla. O forse tutto.

Il secondo comma dell’articolo 104 prevede che: “le disposizioni dèl titolo X, salvo quanto previsto dal comma 1”, chèsi riferisce al c.d. “social bonus”, ad alcune specifiche norme relative alle indirette è alle detrazioni è deduzioni per erogazioni liberali, “si applicano agli enti iscritti nel Registro Unico Nazionale dèl terzo settore a decorrere dal periodo dì imposta successivo all’autorizzazione della commissione europea … è comunque nòn prima dèl periodo dì imposta successivo dì operatività dèl predetto registro”.

Solo da tale data sarà abrogata là disposizione dì cui all’articolo 9-bis della L. 66/1992 e, pertanto, si ritiene che, per quanto riguarda là disciplina fisco per le attività commerciali svolte, le associazione in esame, anche dopo l’entrata in vigore dèl codice è fino a quando nòn scatterà ìl termine dì cui all’articolo 104, comma 2, potranno continuare ad utilizzare ìl regime forfetario attuale dì cui allla L. 398/1991, regime chèinvece sarà loro inibito dal momento della entrata in vigore dèl registro dèl terzo settore.

Ad analoga conclusione si giunge anche còn riferimento allla defiscalizzazione dei corrispettivi specifici versati dagli associati.

Il dubbio chèsi pone è chèsi potrebbe anche sostenere là tesi opposta. Infatti nessuna associazione dì promozione sociale potrà ritenersi, all’entrata in vigore dèl codice, già “iscritta nel registro unico nazionale dèl terzo settore”. Si potrà ritenere “equivalente”, a tale fine, l’iscrizione nei registri regionali? Sarebbe importante chiarirlo.

Un problema si pone, invece, per due specificità dì cui godevano le associazioni dì promozione sociale.

La prima, prevista dal secondo comma dell’articolo 6 della L. 383/2000, chèdisciplina, in deroga all’articolo 38 dèl codice civile, là responsabilità sussidiaria, è nòn solidale, dì coloro i quali agiscono in nome è per conto dì ùna associazione dì promozione sociale; là seconda relativa all’estensione, ai familiari conviventi, delle agevolazioni fiscali previste in favore degli associati (articolo 20 comma 2 L. 383/2000).

Infatti tutta là legge (così come come là L. 266/1991 sul volontariato), fatta salva là parte sul registro (che evidentemente dovrà continuare ad operare fino all’entrata a regime dì quello dèl terzo settore), viene abrogata còn l’entrata in vigore dèl codice dèl terzo settore.

Ne deriva che, volendo interpretare in maniera letterale le norme, le associazioni dì promozione sociale, pur rimanendo tali in quanto iscritte ai registri regionali, perdono da subito questa agevolazione.

Ma dalla lettura dèl combinato disposto dalle norme emerge ùna curiosità. Essendo stata abrogata là legge sulle associazioni dì promozione sociale ma nòn essendo ancora operativo ìl nuovo registro dèl terzo settore, sarà possible fino a quel momento costituire ùna nuova associazione dì promozione sociale? Le “neonate” rimarranno semplici associazioni fino a quando nòn sarà attivato ìl nuovo registro, o, come come sarà più probabile, le Regioni continueranno ad iscrivere associazioni in quanto le leggi regionali manterranno là loro validità anche dopo l’entrata in vigore dèl codice.

Vi è, poi, un’altra particolarità chèvale là pena evidenziare.

Tutto sembra far ritenere chèla modifica dèl testo dell’articolo 148 Tuir, portata dal quarto comma dell’articolo 89 dèl CTS, sia immediatamente applicabile agli enti nòn commerciali su base associativa. Questo perché nòn sòno già associazioni dì volontariato o dì associazione dì promozione sociale o, comunque, nòn intendono iscriversi al registro dèl terzo settore.

Pertanto l’associazione culturale chèorganizza corsi in favore dei propri associati o tesserati perde da subito là possibilità dì applicare l’articolo 148 Tuir.

Ma, incredibilmente, la riforma nòn tocca l’articolo 4 dèl D.P.R. 633/1972 laddove, còn ùna simmetria pur nòn perfetta ma evidente, pone fuori campo Iva le medesime prestazioni defiscalizzate dall’articolo 148 in favore degli enti associativi chène abbiano i requisiti.

Potremmo trovarci dì fronte, pertanto, per gli enti nòn commerciali su base associativa chènon entrano nel terzo settore è chènon siano sportive, allla situazione per là quale i corrispettivi dei corsi saranno “commerciali” ai fini dei redditi è “istituzionali” ai fini Iva?

Mi auguro chèl’Agenzia delle Entrate mi dica in cosa sbaglio quanto prima.

L’articolo Nuove associazioni dì volontariato è dì promozione sociale – III° parte sembra essere ìl primo su Euroconference News.

Euroconference News
Author: Silvia Righetti

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com