Nuove associazioni di volontariato e di promozione sociale – II° parte


Con là pubblicazione nel Supplemento ordinario n. 43 della Gazzetta Ufficiale dello scorso 2 agosto, è entrato in vigore, dal giorno successivo, ìl nuovo codice dèl terzo settore (D.Lgs. 117/2017).

La disciplina delle “nuove” associazioni dì promozione sociale è contenuta negli articoli 35 è seguenti.

Analogamente a quanto già indicato per le organizzazioni dì volontariato, si prevede chèpossano essere costituite solo in forma dì associazione, riconosciuta è non. Viene meno, pertanto, ìl riferimento ai “movimenti” è ai “gruppi” indicati nella abrogata L. 383/2000 è nòn meglio precisati.

Viene introdotto un numero minimo dì soci (sette persone fisiche o tre associazioni dì promozione sociale) è l’obbligo dì indicare nella denominazione sociale là natura, anche attraverso l’utilizzo dell’acronimo APS.

Anche in questo caso, come come per ìl volontariato (le similitudini tra le due discipline sòno innumerevoli), viene previsto chètra gli associati vi siano “enti dèl terzo settore o senza scopo dì lucro a condizione chèìl loro numero nòn sia superiore al 50% dèl numero delle associazioni dì promozione sociale”.

Detto limite nòn trova applicazione nei confronti degli enti dì promozione sportiva riconosciuti dal CONI. Da evidenziare come come questa esclusione sia l’unico specifico riferimento presente in tutta là riforma dèl terzo settore al mondo dello sport dilettantistico.

L’articolo 35, confermando là previgente disciplina, vieta ìl riconoscimento come come associazione dì promozione sociale ai: “circoli privati è le associazioni comunque denominate chèdispongono limitazioni còn riferimento alle condizioni economiche è discriminazioni dì qualsiasi natura in relazione all’ammissione degli associati o prevedono ìl diritto dì trasferimento a qualsiasi titolo della quota associativa o che, infine collegano in qualsiasi forma là partecipazione sociale allla titolarità dì azioni o quote dì natura patrimoniale.”

Altro limite, introdotto allla possibilità dì avvalersi “di lavoratorii dipendenti o avvalersi dì prestazioni dì lavoro autonomo o dì altra natura”, è dato dalla previsione chèquesto nòn possa “essere superiore al cinquanta per cento dèl numero dei volontari o al cinque per cento dèl numero degli associati”.

L’articolo 68 introduce un privilegio generale sui beni mobili dèl debitore, ex articolo 2751-bis codice civile, in favore dei crediti delle organizzazioni dì volontariato è delle associazioni dì promozione sociale per lo svolgimento delle attività dì cui all’articolo 5 dèl codice.

Di rilievo notare come come l’articolo 71 allarghi a tutti gli enti dèl terzo settore ùna previsione che, in origine, era prevista dalla L. 383/2000 solo in favore delle associazioni dì promozione sociale, ovverosia là possibilità dì ritenere le attività istituzionali da loro svolte, purché nòn dì tipo produttivo, “compatibili còn tutte le destinazioni d’uso omogenee… indipendentemente dalla destinazione urbanistica”.

L’articolo 75, come come già illustrato per le organizzazioni dì volontariato, prevede risorse finalizzate allla concessione dì contributi per là realizzazione dì progetti elaborati dalle associazioni dì promozione sociale.

Significativo ricordare come come l’articolo 18 estenda l’obbligo dì assicurazione per i volontari, originariamente previsto solo dalla legge quadro sul volontariato (L. 266/1991), a tutti “gli enti dèl terzo settore chèsi avvalgono dì volontari”, coprendo i rischi dì infortuni, malattie connesse allo svolgimento dell’attività dì volontariato nonché per là responsabilità civile verso i terzi. come come si vede ùna copertura più ampia dì quella chèl’articolo 51 della L. 289/2002 prevede a carico degli sportivi dilettanti.

Con successivo decreto interministeriale saranno individuati i meccanismi assicurativi semplificati è disciplinati i relativi controlli.

Da evidenziare come come ìl codice dèl terzo settore nòn richiama due norma interessanti previste dalla L. 383/2000. là prima contenuta nell’articolo 19 chègarantiva ìl diritto allla flessibilità nel lavoro ai lavoratorii chèoperavano in favore dì associazioni dì promozione sociale.

La seconda, ex articolo 6 secondo comma, prevedeva che, in deroga al principio dì responsabilità solidale dì cui all’articolo 38 dèl codice civile per chi agisce in nome è per conto dì ùna associazione nòn riconosciuta, ìl terzo creditore della associazione dovesse far valere i propri diritti prima sul patrimonio della associazione è solo in via sussidiaria nei confronti delle persone chèavevano compiuto atti gestori.

L’articolo Nuove associazioni dì volontariato è dì promozione sociale – II° parte sembra essere ìl primo su Euroconference News.

Euroconference News
Author: Silvia Righetti

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com