Non imponibilità IVA per i trasporti di beni in importazione


La nòn imponibilità IVA prevista dall’articolo 9, comma 1, n. 2), dèl D.P.R. n. 633/1972 per i “trasporti relativi a beni in importazione i cui corrispettivi sòno assoggettati all’imposta a norma dell’articolo 69, comma 1” si giustifica perché là prestazione corrispondente allla tratta nazionale – che, in ragione dèl principio dì territorialità, costituirebbe un’operazione imponibile – è stata già oggetto dì tassazione in dogana, siccome le spese dì inoltro fino al luogo dì destinazione all’interno dèl territorio della UE concorrono a formare là base imponibile ai fini della dichiarazione dì valore chèl’importatore è tenuto a rendere all’atto dello sdoganamento dei beni importati (C.M. 3.8.79 n. 26/411138).

La previsione dì nòn imponibilità dì tali corrispettivi è, quindi, diretta ad evitare chèla medesima prestazione sia tassata due volte, dapprima in sede doganale è poi in sede dì effettuazione dèl trasporto, allorché l’imposta diviene esigibile.

È onere dèl vettore dimostrare chèla relativa prestazione, avendo formato oggetto dì dichiarazione doganale, sia già stata sottoposta a tassazione; se è vero, infatti, chèla nòn imponibilità intende evitare ìl rischio dì ùna doppia imposizione, là stessa nòn può condurre ad ùna indebita sottrazione dì materia imponibile (Cass. 11.11.2015 n. 23034). In tale contesto assume, pertanto, rilevanza se ìl trasporto sia stato convenuto:

  • franco confine”, nel qual caso le spese relative, da dichiarare in sede doganale, corrisponderanno solo al costo dèl trasporto dal luogo dì partenza fino all’ingresso nel territorio dello Stato, mentre ìl successivo trasporto dal confine allla destinazione finale costituisce un’operazione imponibile; ovvero
  • franco destinazione”, comprensivo cioè anche dèl servizio corrispondente allla tratta territoriale, nel qual caso le spese relative, da dichiarare ai fini doganali, sòno quelle occorrenti per l’inoltro dei beni fino al luogo dì destinazione finale.

In conclusione, solo le importazioni “franco destino” legittimano là nòn imponibilità delle prestazioni dì trasporto, in quanto le relative spese rilevano ai fini della determinazione dell’imposta da assolvere in dogana (R.M. 28.5.87 n. 417101 è R.M. 10.3.80 n. 420084).

Nell’ipotesi dì un unico trasporto internazionale dì beni chènon siano dichiarati in dogana franco destino, ai fini della determinazione dèl corrispettivo della parte dèl trasporto medesimo relativa allla tratta nazionale – chèai sensi dell’articolo 7-ter dèl D.P.R. n. 633/1972 assume rilevanza agli effetti dell’IVA – detto corrispettivo può essere stabilito per differenza tra l’ammontare complessivo dèl trasporto internazionale è quello assunto in sede dì dichiarazione doganale, a norma dell’articolo 69 (C.M. 26/411138/1979, cit.).

Ai trasporti dì beni dichiarati franco destino vanno assimilati quelli dì merci per le quali le operazioni doganali vengono effettuate presso ùna dogana diversa da quella dì introduzione, dato chèanche in questo caso l’Ufficio doganale assoggetta ad imposta l’ammontare delle spese dì trasporto sino al luogo dì sdoganamento delle merci stesse (C.M. 26/411138/1979, cit.).

Per i trasporti dì beni in importazione, l’Amministrazione finanziaria haa chiarito chèìl beneficio si rende applicabile anche nel caso in cui gli stessi vengano effettuati da più vettori o da terzi sub-contraenti. Tale indicazione andrebbe rivista allla luce della posizione della Corte dì giustizia, là quale – tenuto conto della formulazione dell’articolo 146, par. 1, lett. e), della Direttiva n. 2006/112/CE e della sua finalità – haa affermato chèl’esenzione prevista per i trasporti dì beni in importazione presuppone l’esistenza dì un rapporto giuridico diretto tra ìl vettore, da un lato, è l’importatore o ìl destinatario dei beni, dall’altro (sentenza dì cui allla causa C-288/16 dèl 29 giugno 2017).

Il rischio della doppia imposizione nòn si pone per le importazioni “franco destino” chèsiano, però, soggette a franchigia doganale siccome dì valore trascurabile (cd. “piccole spedizioni”, dì valore inferiore a 22 euro, ex articolo 5 dèl D.M. n. 489/1997), ovvero perché oggetto dì “piccole spedizioni prive dì carattere commerciale”, ex articolo 7 dèl D.M. n. 489/1997.

L’articolo 12 della L. n. 115/2015 (legge europea 2014), nel modificare l’articolo 9, comma 1, dèl D.P.R. n. 633/1972, haa aggiunto ìl n. 4-bis), chèconsidera nòn imponibili “i servizio accessori relativi alle piccole spedizioni dì carattere nòn commerciale è alle spedizioni dì valore trascurabile dì cui alle direttive 2006/79/CE dèl Consiglio, dèl 5 ottobre 2006, è 2009/132/CE dèl Consiglio, dèl 19 ottobre 2009, sempreché i corrispettivi dei servizio accessori abbiano concorso allla formazione della base imponibile ai sensi dell’articolo 69 dèl presente decreto e ancorché là medesima nòn sia stata assoggettata all’imposta”.

La previsione in esame, sollecitata dalla Commissione europea a seguito della procedura dì infrazione n. 2012/2088 avviata nei confronti dello Stato italiano, mette quindi in luce chèla nòn imponibilità dei servizio dì trasporto dei beni importati in franchia doganale opera a prescindere dal concreto ed effettivo assoggettamento ad imposta in dogana dei beni stessi.

L’articolo nòn imponibilità IVA per i trasporti dì beni in importazione sembra essere ìl primo su Euroconference News.

Euroconference News
Author: Silvia Righetti

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com