Mobbing sul lavoro: come riconoscerlo e come difendersi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il mobbing è molto diffuso in Italia e l’ambiente sociale dove si radica meglio è il posto di lavoro. Non è facile riconoscere quando si è vittima del mobbing, poiché alla base deve esserci la continuità di un comportamento ostile da parte di un soggetto nei confronti di un altro. Oggi il mobbing è reato e si rischiano pene fino a quattro anni di carcere. Se la vittima è in grado di dimostrare i sorprusi subiti, toccherà al vessatore difendersi chiarendo la sua innocenza.

Per mobbing s’intende principalmente una violenza psicologica che un soggetto subisce in un ambiente lavorativo da parte di colleghi o superiori. Per riconoscerlo le prepotenze e gli abusi devono ripetersi in maniera sistematica e continuativa. Devono avere uno scopo mirato e intenzionale. Il mobber mette in atto una strategia con lo scopo di ledere la dignità della vittima.

Dal mobbing ci si può difendere. Invece di usare atteggiamenti remissivi occorre rispondere all’aggressore con tono garbato, facendo valere i propri diritti. Non bisogna abbandonare il posto di lavoro, al contrario occorre rafforzare la propria personalità e comprendere che il disagio dipende dal mobbing e non da noi stessi. In questi casi è utile il sostegno di amici, famiglia e enti di supporto.

Il mobbing si combatte non lasciandosi sopraffare psicologicamente dal carnefice. La presenza di un legale deve essere l’ultima alternativa. Se si dovesse ricorrere davanti a un giudice è opportuno rivolgersi alle organizzazioni sindacali e chiedere un’assistenza legale, ma prima di proseguire è necessario avere in mano degli elementi da esibire come prove giuridiche nel corso di una causa legale.

Chi subisce il mobbing va incontro a molti disagi fisici e mentali. Non si deve mai perdere la stima in se stessi e tanto meno dubitare delle proprie competenze. Non bisogna essere lamentosi e minacciosi ma cercare un dialogo positivo.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche:
Come comportarsi se un collega è invidioso di voi
Respingere le avances di un collega, ecco 5 consigli
Come respingere le avances del vostro capo ufficio
Fare sesso con il capo, la fantasia erotica più diffusa

Archiviato in:Lavoro Tagged: abuso, causa, come difendersi, diritti, Lavoro, mobbing

Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Corporate Tax Consultant, Advisor e CTU del Tribunale di Roma con una solida esperienza Aziendale in attività di Amministrazione, Finanza, Controllo di Gestione, Pianificazione Strategica, Business Planning, HR e di gestione di progetti di Start-up aziendali, di Riorganizzazione e Change Management maturata in prestigiose aziende Nazionali e Internazionali