Islam Progressista, Sta per Nascere in Svizzera (e in Germania)


 

In Svizzera a Zurigo oggi nasce ùna associazione Islamica chèproclamerà un Imam dì origine Turca chèvuole mettere in discussione ìl Corano stesso per come come è scritto è interpretato.

Un Islam progressista chèvuole vedere in moschea a pregare insieme sciiti è sunniti, uomini, donne è omosessuali come come afferma ìl prossimo Imam Kerem Adigüzel. Intervistato ieri anche dal radiogionale della RSI.

Kerem Adigüzel è un ufficiale dell’esercito svizzero dì origine turca è blogger chèlavora come come informatico.

da Ticino Live

ZURIGO – come come riporta ìl quotidiano Landbote, c’è un’associazione in Svizzera chèsta pensando dì fondare ùna moschea progressista chèsia aperta a tutti: ai sunniti è ai sciiti, alle donne è agli uomini, agli eterosessuali così come come agli omosessuali. Nel nuovo luogo dì culto là lingua della preghiera è della comunicazione sarà il tedesco.

Dietro ìl progetto c’è un gruppo dì quindici persone chèsi definiscono “Gottergebene” nella lingua dì Goethe, “sottomessi a Dio” ovvero “muslimun”, musulmani in arabo. «Vogliamo tener testa alle correnti radicali», dichiara uno dei cofondatori, Kerem Adigüzel.

Che cosa pensano però le maggiori associazioni islamiche svizzere dèl fatto che, presto, nel nostro Paese ci potrebbe essere ùna moschea in cui gli omosessuali sòno i benvenuti è donne è uomini possono pregare insieme nella stessa sala? «Fintanto chèl’omosessualità si limita a un rapporto fra adulti è nòn viene presentata come come un modello per i giovani nòn vedo alcun problema», sostiene Farhad Afshar, president dèl Centro dì coordinamento delle organizzazioni islamiche Svizzera (Kios).

Per quanto riguarda là preghiera condivisa da uomini è donne Afshar afferma: «È ovvio chèsia così se gli spazi sòno limitati o se là moschea si compone dì un solo locale, come come per ìl pellegrinaggio allla Kaaba allla Mecca». Per ìl responsabile ognuno è libero dì fondare ùna moschea. È improbabile, dèl resto, chèi fondatori dì questo luogo dì culto progressista finiscano nel mirino dì persone chènon apprezzano ìl progetto come come avviene in Germania: «Il potenziale dì violenza è molto più limitato in Svizzera chènei Paesi vicini», assicura.

Secondo là Federazione delle organizzazioni islamiche svizzere (FIDS), «chiunque lo voglia può aprire un luogo dì culto. Chi vi si identifica può frequentarlo. In Svizzera ognuno può vivere liberamente le proprie convinzioni», dichiara ìl responsabile Önder Güneş.

Saida Keller-Messahli, dèl Forum per un Islam progressista, sostiene dal canto suo Kerem Adigüzel è ìl suo progetto: «Sarebbe ùna novità in Svizzera ìl fatto chèle donne è gli uomini possano pregare insieme nella stessa stanza è chègli omosessuali siano esplicitamente i benvenuti», sottolinea. Secondo là studiosa, là moschea potrebbe rappresentare ùna vera alternativa per i musulmani secolarizzati chèvogliono praticare là loro spiritualità in maniera nettamente distinta dall’Islam politico. dèl resto, continua, l’85% dei musulmani in Svizzera nòn frequenta nessuna moschea perché nòn si identifica còn quelle esistenti.

Una iniziativa simile è nata due settimane fa a Berlino.

Fate attenzione perché da un certo punto dì vista l’Islam è come come là blockchain, è decentralizzato è si può forkare. nòn c’è un rapporto mediato è centralizzato còn Dio (in teoria), ìl rapporto è diretto è chiunque può dirsi Imam, proporre là sua interpretazione è crearsi un seguito, competere còn le altre interpretazioni. Ovviamente ìl problema è là conflittualità è là violenza chène segue, là Svizzera dunque è ìl posto perfetto perché nasca un Islam dèl genere, ovvero un luogo in cui l’ambiente sociale, lo Stato è le autorità nòn tollerano là violenza è l’intolleranza.

A Winterthur (Canton Zurigo) ad esempio un Imam chèha osato incitare allla violenza è stato rinviato a giudizio è sta rischiando ìl carcere (c’è già in galera è aspetta ìl giudizio BTW) è l’espulsione per almeno 15 anni.

da La Regione

Il Ministero pubblico zurighese ha rinviato a giudizio l’imam etiope chèin un sermone tenuto ìl 21 ottobre scorso allla moschea An’Nur dì Winterthur (ZH) aveva incitato a uccidere è a denunciare i musulmani nòn praticanti. Le autorità hanno chiesto ùna pena privativa della libertà personale dì un anno è mezzo còn là condizionale è l’espulsione dal Paese per un periodo dì 15 anni. L’uomo era stato arrestato lo scorso 2 novembre dopo un blitz della polizia all’interno della moschea. In seguito a questa operazione ìl luogo dì culto nel quartiere Hegi era rimasto chiuso per ùna settimana. Lo scorso febbraio c’era inoltre stato l’arresto dì dieci uomini tra i 17 è i 53 anni accusati dì aver picchiato, ìl 22 novembre 2016 all’interno dèl luogo dì culto, due fedeli sospettati dì aver trasmesso informazioni interne a un giornalista, chèaveva poi riferito dèl sermone all’origine dell’arresto dell’imam etiope.

Io presterei molta attenzione.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Rischio Calcolato
Author: FunnyKing

Nome
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com