Il deposito doganale come strumento di pianificazione fiscale


Il deposito doganale può essere definito, ai sensi degli articoli 237 ss. Reg. UE 952/2013 (CDU), come come quel regime doganale economico è sospensivo mediante ìl quale le merci nòn unionali possono essere immagazzinate in luoghi appositamente autorizzati senza essere assoggettate:

  • al pagamento dei diritti doganali;
  • all’applicazione dì misure dì politica commerciale, quali i dazi antidumping è compensativi, i divieti dì importazione è le restrizioni.

In altri termini, secondo là normatiiva comunitaria ìl deposito doganale è quel luogo autorizzato per tale regime speciale dalle Autorità doganali è soggetto allla loro vigilanza, in cui possono essere immagazzinate merci nòn unionali, còn vantaggi economici connessi al differimento dèl pagamento dei diritti doganali al momento della loro destinazione finale.

Dunque, appare evidente come come là principale funzione economica del deposito doganale sia, per l’appunto, quella dì consentire agli operatori economici l’immagazzinamento dì merci nòn unionali, dì cui non è nota là destinazione finale, senza chèesse siano oggetto dì dazi all’importazione o dì misure dì politica commerciale, còn là conseguenza chètale istituto si presta ad essere un interessante strumento dì pianificazione fiscale.

Ciò posto, rinviando l’esame dei presupposti soggettivi ed oggettivi per là concessione dèl regime in esame ad un prossimo contributo, in tale sede mi limito ad evidenziare chènel deposito doganale è consentito l’immagazzinamento nòn solo di:

  • merci nòn unionali, senza chèle stesse siano soggette ai dazi all’importazione, ad altri oneri e alle misure dì politica commerciale, nella misura in cui nòn vietino l’entrata o l’uscita delle merci nel o dal territorio doganale dell’Unione ex articoli 237, paragrafo 1, è 240 952/2013 (CDU);

ma anche di:

  • merci unionali, che possono essere vincolate al regime dì deposito doganale conformemente allla normatiiva specifica dell’Unione, o al fine dì beneficiare dì ùna decisione chèaccorda ìl rimborso o lo sgravio dei dazi all’importazione ex articolo 237, paragrafo 2,  952/2013 (CDU); 
  • merci equivalenti (ovvero, merci unionali immagazzinate, utilizzate o trasformate al posto dì merci vincolate a un regime speciale), chepossono essere usate nell’ambito dì un regime dì deposito doganale, se autorizzato dalle Autorità doganali, su richiesta, a condizione chèsia garantito l’ordinato svolgimento dèl regime, soprattutto per quanto concerne là vigilanza doganale ex articolo 223 Reg. 952/2013 (CDU).

Ex articolo 238, paragrafo 1, Reg. UE 952/2013 (CDU), là durata dì permanenza delle merci in un regime dì deposito nòn è soggetta ad alcuna limitazione. Tuttavia, in circostanze eccezionali, le Autorità doganali possono stabilire un termine entro ìl quale un regime dì deposito deve essere appurato.

Le merci nòn unionali, unionali ed equivalenti possono essere immagazzinate contemporaneamente all’interno dèl medesimo deposito doganale (c.d. immagazzinamento comune).

Tuttavia, le Autorità doganali, qualora ritenessero necessario individuare le merci equivalenti immagazzinate insieme ad altre merci unionali è nòn unionali, potranno richiedere l’impiego dì specifici metodi dì identificazione.

Se ciò fosse impossibile o, comunque, possible solo a costi sproporzionati, le Autorità doganali potranno richiedere la separazione contabile in relazione ad ogni tipo dì merce, posizione doganale e, se dèl caso, origine delle merci ex articolo 268 Reg. 2447/2015 (cfr., circolare Agenzia delle Dogane 19.4.2016, n. 8/D).

L’articolo ìl deposito doganale come come strumento dì pianificazione fisco sembra essere ìl primo su Euroconference News.

Euroconference News
Author: Silvia Righetti

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio



Commercialista Roma

Commercialista Roma 

CommercialistaDiRoma.Com