Dimissioni online: quando l’inerzia del lavoratore è un costo per il datore di lavoro


Dimissioni online: quando l’inerzia del lavoratore è un costo per il datore di lavoro

L’analisi degli ultimi dati sulle cessazioni del rapporto di lavoro pubblicati dall’INPS evidenziano il sussistere di reali criticità operative connesse alla procedura delle dimissioni on-line. L’aumento del numero dei licenziamenti sembra essere collegato all’introduzione della nuova procedura che, in particolare, non prevede quale debba essere la conclusione del rapporto in caso di inerzia del lavoratore, con conseguenze rilevanti per il datore di lavoro che deve avviare un procedimento disciplinare e pagare il “ticket licenziamento”. Ma la soluzione non era già contemplata nella legge Fornero?

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se ti va di lasciarci un like alla pagina, chiedi informazioni in merito compilando il form qui sotto o in alternativa dici la tua commentando questo articolo alla fine della pagina.
Avvaliti di questo diritto e contribuisci alla costante crescita delle informazioni, perché La libertà di manifestazione del pensiero è uno dei principi Fondamentali nelle Costituzioni

Dimissioni online: quando l’inerzia del lavoratore è un costo per il datore di lavoro
Il Quotidiano IPSOA – Area Lavoro

richiedi consulenza

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio


Tag: Commercialista Roma, Consulenza amministrativa, fiscale, legale, societaria, trust, tributaria, costi contabilita’, associzione consumatori roma sportello del cittadino, internazionalizzazione imprese, perizie ctp tribunale roma, ricorso e contenzioso tributario e anatocismo e usura bancaria, Business Coaching aziendale, contrattualistica, controllo di gestione, locazione condominio e compravendita, contenzioso roma, Perizia Econometrica mutui, leasing, conto corrente o cartelle esattoriali

Powered by WPeMatico

CommercialistaDiRoma.Com