Residenza anagrafica e residenza fiscale: quale differenza?

In questo articolo facciamo chiarezza sul significato di residenza anagrafica e residenza fiscale. Di solito questi due concetti dovrebbero coincidere, ma in alcuni situazioni si potrebbe verificare una mancata sovrapposizione. Ecco una breve e semplice guida per capire le differenze e come richiedere i loro certificati online.

Differenza tra residenza anagrafica e residenza fiscale

Differenza tra residenza anagrafica e residenza fiscale

Residenza anagrafica e residenza fiscale: definizione e differenze

L’art. 43 del Codice Civile definisce la residenza anagrafica come il “luogo in cui la persona ha la sua dimora abituale“. Residenza e domicilio anagrafico posso coincidere, ma non sempre. Il domicilio è sempre disciplinato dallo stesso articolo ed è il “luogo in cui la persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi“.

La residenza fiscale si acquisisce se il contribuente è iscritto all’Anagrafe della popolazione residente o ha residenza o domicilio in Italia per più di 183 giorni all’anno. Questo implica la sua soggezione alle regole di tassazione italiane per i redditi percepiti, indipendentemente dallo stato in cui sono stati prodotti. Viene quindi riconosciuta al soggetto che soddisfa almeno uno dei seguenti requisiti:

  •  iscrizione nell’Anagrafe della popolazione residente;
  •  domicilio fissato in Italia;
  •  residenza stabilita nel territorio italiano.

Determinare la residenza fiscale è importante per calcolare le imposte sui redditi e per la definizione dell’Iva. Attraverso essa è possible stabilire senza alcun dubbio se la persona fisica, ditta individuale, persona giuridica o cooperativa sia sottoposta al regime fiscale vigente in Italia.

L’iscrizione nell’Anagrafe della popolazione residente si ottiene stabilendo la propria residenza o il proprio domicilio in un Comune italiano. Nel caso in cui un soggetto abbia fissato dimora abituale all’estero con relativa iscrizione nell’Anagrafe Italiana dei Residenti all’Estero (AIRE), si dovrà procedere alla cancellazione dall’anagrafe italiana. I cittadini trasferiti all’estero sono tuttavia ancora da considerarsi residenti. La residenza fiscale del contribuente risulterà quindi la medesima indipendentemente dalla sua presenza fisica in territorio italiano.

Per procedere con il passaggio di residenza all’estero, il soggetto dovrà dimostrare di essere realmente residente all’estero e che non si tratta di un trasferimento fittizio. Sarà poi l’Agenzia delle Entrate a effettuare i dovuti controlli sulla effettiva residenza fiscale dello stesso, anche attraverso verifiche incrociate con le autorità estere.

Come richiedere un certificato di residenza anagrafica a fiscale

Il certificato di residenza anagrafica fa parte dei certificati anagrafici rilasciati dagli Uffici dell’Anagrafe del comune di residenza. Questo documento attesta infatti la residenza abituale dell’intestatario in uno specifico comune. Contiene informazioni sull’indirizzo di residenza e sulle generalità quali nome, cognome, data e comune di nascita.

Il certificato di residenza fiscale è un documento rilasciato dall’Agenzia delle Entrate che certifica la residenza fiscale di una persona fisica, di una ditta individuale, di una società di persone o di capitali o di un ente non commerciale ed ha finalità fiscale per quei soggetti che percepiscono redditi da lavoro in altri Paesi.

Il certificato di residenza fiscale può essere richiesto da:

  • persone fisiche residenti in Italia
  • società di capitali (sas, snc, srl, spa)
  • società di persone
  • enti commerciali
  • enti non commerciali e onlus
  • organismi di investimento collettivo del risparmio
  • fondi pensione.

È possibile richiedere online sia il certificato di residenza anagrafica sia il certificato di residenza fiscale. I documenti verranno evasi in base alle tempistiche dell’Ufficio Anagrafe e dell’Agenzia delle Entrate di competenza e inviati via mail in formato .pdf.

© Riproduzione riservata
 

L’articolo Residenza anagrafica e residenza fiscale: quale differenza? proviene da Smart Focus.

Smart Focus
Author: Redazione

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio


Commercialista Roma

CommercialistaDiRoma.Com