Cultura: è il Trentino Alto Adige la regione che nel 2015 ha speso di più


Cultura: è il Trentino Alto Adige la regione che nel 2015 ha speso di più

Federculture analizza, tra l’altro, nel suo 12/o Rapporto Annuale gli investimenti in cultura nelle nostre Regioni: “Impresa Cultura. Creatività, partecipazione, competitività”.
È il Trentino Alto Adige, con 203,14 euro a famiglia, la regione che nel 2015 ha speso di più in cultura e spettacoli secondo il Rapporto Federculture. A seguire sul podio Emilia Romagna (164,22) e Lombardia (160,84).
La prima regione sotto la media nazionale di 126,41 euro spesi è la Liguria (nona con 124,59 euro), subito dopo c’è il Lazio a 120,25, poi vengono le Marche, l’Umbria, la Campania, la Sardegna, l’Abruzzo, La Puglia, il Molise, la Sicilia, la Basilicata e la Calabria.
Quindi prima vengono le regioni del centro-sud, Molise e Sicilia non toccano gli 80 euro e Basilicata e Calabria si fermano sopra i 59.
Il Lazio è a metà classifica (decima posizione con 120,25 euro), pur con un +7,8% di spesa per lo spettacolo dal vivo e le positive performance degli istituti statali (musei, monumenti e aree archeologiche) che nel 2015 hanno contato 20 milioni di visitatori (il dato più alto di sempre con +7,6%) e quasi 63 milioni di euro di introiti (+8%).
A Roma si concentra l’86% dei visitatori dei musei regionali, oltre 17 milioni e il 93% degli introiti (la regione nel suo complesso attrae invece meno di 3 milioni di visitatori nei suoi musei, dato in calo rispetto al 2014 del 2,6%).
In termini di turismo culturale, e di spesa dei viaggiatori, Lazio, Lombardia, Veneto e Toscana sono ai primi quattro posti e che da sole incassano più che il resto d’Italia messo insieme. Si va dai 6 miliardi e 367 mila euro spesi nel Lazio dal turismo in generale ai 30 milioni nel Molise.
Roma in totale nel 2015 ha registrato quasi 14 milioni di arrivi e 34 milioni di presenze (+4% e +3,6%) e che da sola rappresenta il 30% del turismo delle città d’arte per arrivi e presenze, e circa il 10% di quello complessivo del Paese.
Tra le proposte di Federculture c’è l’”estensione dell’Art bonus a tutti i soggetti che praticano la cultura, ampliando la platea dei beneficiari, delle azioni e dei possibili finanziatori per farne uno straordinario traino economico”. E poi la “defiscalizzazione del consumo culturale, un bonus anziani” simile a quello per i giovani, “l’incentivazione del processo di autonomia delle fondazioni culturali, con benefici per il bilancio dello Stato”, “l’eccezione culturale per le norme che più direttamente influiscono sulla gestione e l’operatività delle aziende della cultura” e anche l’istituzione di un “Cipe cultura”.
Spesa media mensile – Anno 2015 Spesa media mensile in ricreazione, spettacoli e cultura(euro)
Trentino-Alto Adige
203,14
Emilia-Romagna
164,22
Lombardia
160,84
Toscana
151,29
Veneto
150,45
Piemonte
144,40
Valle d’Aosta
143,91
Friuli-Venezia Giulia
136,40
Liguria
124,59
Lazio
120,25
Marche
114,33
Umbria
105,37
Campania
98,45
Sardegna
94,96
Abruzzo
89,54
Puglia
80,19
Molise
78,74
Sicilia
72,52
Basilicata
59,99
Calabria
59,08
Italia
126,41

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se ti va di lasciarci un like alla pagina, chiedi informazioni in merito compilando il form qui sotto o in alternativa dici la tua commentando questo articolo alla fine della pagina.
Avvaliti di questo diritto e contribuisci alla costante crescita delle informazioni, perché La libertà di manifestazione del pensiero è uno dei principi Fondamentali nelle Costituzioni

Cultura: è il Trentino Alto Adige la regione che nel 2015 ha speso di più
Il Giornale delle PMI

richiedi consulenza

[contact-form to=’raffaele@commercialistadiroma.com’ subject=’contatto da wordpress’][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’Cognome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’Email’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Telefono’ type=’text’ required=’1’/][contact-field label=’Oggetto del Contatto’ type=’text’ required=’1’/][contact-field label=’Richiesta / Messaggio’ type=’textarea’ required=’1’/][contact-field label=’Sito Web Presentazione’ type=’url’/][/contact-form]

Tag: Commercialista di Roma, Commercialista Roma, archiviazione digitale, consulenza 360°, Consulenza amministrativa, consulenza fiscale, consulenza legale, consulenza societaria, consulenza sul trust, consulenza tributaria, contattaci, costi contabilita’, difesa dei consumatori roma e lazio, domiciliazioni avvocati a roma, il nostro team, internazionalizzazione imprese, Commercialista Roma, perizie ctu / ctp tribunale di roma, revisione legale dei conti, ricorsi tributari e anatocismo bancario, Business Coaching aziendale, contrattualistica, controllo di gestione, locazione condominio e compravendita, contenzioso roma, Ricorso tributario equitalia, agenzia delle entrate, enti di riscossione o tasse comunali, l’avviso di accertamento. l’avviso di liquidazione, il provvedimento che irroga le sanzioni, il ruolo e la cartella di pagamento, l’avviso di mora, operazioni catastali, il rifiuto, espresso o tacito, restituzione di tributi, sanzioni, interessi o accessori non dovuti, negazione spettanza di agevolazioni rigetto delle domande di definizione agevolata dei rapporti tributari, Perizia Econometrica su Anatocismo Bancario da 350 € – pre-analisi da € 50,00 effettuata su mutui, leasing o conto corrente, Gratis, senza compenso, a titolo gratuito, gratuitamente, senza pagamento, sconto, di scontare, debito, estinzione, saldo, diminuzione del prezzo di vendita di una merce, ribasso, riduzione, aumento, maggiorazione, rincaro, ritocco

Powered by WPeMatico

CommercialistaDiRoma.Com