Conoscere L’associazione temporanea di imprese (Ati)

  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

Introduzione la creazione delle ATI

Nascita di un Associazione temporanea di Impresa
L’unione di due o più imprese finalizzate a uno scopo comune è una forma giuridica molto diffusa e utilizzata anche in Italia. La collaborazione è temporanea ed è prevista per la realizzazione di un progetto preciso come potrebbe essere la partecipazione a un bando pubblico, a una appalto o a un progetto. Prende il nome di associazione temporanea di Impresa o anche ATI.

L’ATI

Definizione e normativa di un ATI
L’Associazione Temporanea di Impresa o anche più comunemente conosciuta come Ati, è un raggruppamento di due o più imprese che avviene in maniera temporaneo finalizzato al raggiungimento di un obbiettivo comune. La sua formazione è stata sancita dal 1977 e regolarizzata in ultimo dall’art 34 del d.lgs n 103/2006 che prevede la realizzazione di un associazione di imprese individuali, società commerciali, cooperative, consorzi tra cooperative e consorzi tra imprese artigiane.

Perché creare un’Associazione Temporanea di Impresa

I vantaggi delle associazioni temporanea di impresa
Perché delle società dovrebbero raggrupparsi per il raggiungimento di un fine comune? La risposta è semplice. Per partecipare per esempio a un bando pubblico, in cui sono richieste determinate specializzazioni, non sempre presenti in un unica società. Con l’associzione le singole specializzazioni si sommano tra loro permettendo quindi di raggiungere i requisiti necessarie per l’accesso al bando. Per esempio immaginiamo l’assegnazione per la costruzione di un infrastruttura. Per partecipare si creerà un ATI, con presente all’interno aziende edili, aziende specializzate nella progettazione e tecnologia, aziende per la sicurezza.

Tipologia di Associazione temporanea di impresa

I ruoli all’interno di un associazione di impresa
Le ATI prevedono che un gruppo di imprese che verranno definite mandanti a una società che prende il nome di mandataria o anche capo gruppo la quale avrà il compito di presentare le relative richieste per la partecipazione al banco o al progetto. In base alla tipologia di rapporto che si instaura tra la società capogruppo e le società mandanti l’Ati può essere di tipo, verticale, orizzontale o misto. Le differenze riguardano quindi i ruoli che assumono i mandanti e il mandatario nella realizzazione del progetto.

Costituzione dell’ATI

Come creare un associazione di impresa
La creazione deve avvenire con atto pubblico, quindi innanzi a un notaio, con la presentazione di un atto costitutivo e uno statuto che prevede la creazione di un Associazione Temporanea di Impresa finalizzata alla realizzazione di uno specifico fine. Quindi per poterla creare sarà necessario, in primo luogo stabilire quale delle società dovrà svolgere il ruolo di capo gruppo. Il secondo aspetto fondamentale è quello di identificare l’oggetto che ha determinato la costituzione dell’ATI, quindi ad esempio la partecipazione a un bando pubblico. Le ATI inoltre hanno una costituzione limitatane tempo, dato che si estinguono nel momento in cui termina l’attività per cui è stata necessaria la collaborazione.

Conclusioni

Le ATI sono una forma giuridica che prevede molti vantaggi soprattutto per le piccole e medie imprese.

Prevedono inoltre un costo ridotto nella loro creazione rispetto a quello che potrebbe essere la costituzione di una nuova associazione o un consorzio.

Potrebbe interessarti

Conoscere L’associazione temporanea di imprese (Ati) ultima modifica: 2018-01-25T12:01:11+00:00 da Dr. Andrea Raffaele