Sbagliato sottovalutare il fornitore per le false operazioni sulle fatture

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
<>h2>Le dichiarazioni di terze parti fatte durante le attivit�� di investigazione possono essere basate su uno studio presuntivo volto a dimostrare l’evasione fiscale.

Con l’ordine 25291 del 25 ottobre 2017, la Corte di Cassazione ha ribadito la sua posizione sulle transazioni inesistenti, questa volta con riferimento alla procedura che il giudice deve seguire nella valutazione delle prove presunte.
In particolare, secondo la Corte, il giudice di primo grado deve sempre esaminare e valutare tutti gli elementi forniti nel corso dell’indagine, sia individualmente che nell’ambito del materiale raccolto, spiegando il seguito logico e le ragioni specifiche per che erano considerati irrilevanti ai fini della risoluzione della controversia.

CommercialistaDiRoma.com – News e Rassegna Stampa – Area Fiscale