Come conoscere le società irregolari o di fatto

  • 11
  • 3
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

La costituzione per atto pubblico e l’iscrizione al registro delle imprese dovrebbero essere le due operazioni iniziali che caratterizzano le società di ogni genere e servono a far regolare i rapporti giuridici dalle disposizioni del codice civile in materia.

Ma esistono casi in cui queste operazione non vengono prese in considerazione, è il caso delle società irregolari o di fatto.

Cos’è una società irregolare?

Queste società (per la maggior parte società in nome collettivo e società in accomandita semplice), non sono da considerarsi fuorilegge nonostante siano delle società per le quali non si sono compiuti i procedimenti di formazione previsti dalla legge, poiché vengono considerate dai piani alti come società semplici (SS).

Società irregolare iniziale e sopravvenuta

Esistono due tipi di società irregolari classificati in base al motivo ed alla causa della loro irregolarità.

Le società irregolari iniziali, per etimologia, si intendono essere quelle società che fin dall’alba della loro costituzione non sono mai apparse nel registro delle imprese. Mentre le società irregolari sopravvenute sono quelle che, per una qualsiasi causa come la mancanza delle condizioni di legge o la cessazione dell’attività, vengono eliminate dal registro dell’imprese.

Queste società possono svolgere le azioni per cui sono state costituite ma ai terzi non possono opporre limitazioni per quanto riguarda la responsabilità né possono imporre loro alcun accordo interno.

Per il resto seguono le regole delle SS.

Le norme delle società semplici

I soci (tutti, nessun escluso) risponderanno personalmente delle obbligazioni sociali, si premette in capo ad ogni singolo socio agente per la società la responsabilità sociale, mentre nel termine ordinario di 10 anni, anziché nel più breve termine di 5 anni, dovranno essere prescritti tutti i diritti nascenti del rapporto sociale.

Le società di fatto

Il discorso per le società di fatto, pur se non eccessivamente, è diverso.

Innanzitutto questo tipo di società non solo non è presente nel registro delle imprese, ma sono anche prive di atti formali sancenti la loro costituzione. In pratica è un attività imprenditoriale che si ha quando un gruppo di soggetti, attraverso conferimenti reciproci, esercita un’attività commerciale avendo solo il consenso generale dei soci aventi voglia di iniziare con l’imprenditoria.

Così facendo però i soci rispondono, senza limite alcuno, con il loro patrimonio delle obbligazioni sociali. Nel caso in cui un socio andasse in fallimento, il fallimento verrebbe esteso agli altri soci, ovviamente dopo essersi accertati dell’esistenza della società di fatto.

Esistono persone che non vogliono agevolazioni e quant’altro, dunque sentendosi autosufficienti, si muovono in tal modo. E tu?

Potrebbe interessarti

Come conoscere le società irregolari o di fattoultima modifica: 2018-01-15T12:01:34+00:00 da Dr. Andrea Raffaele