Cinque spunti vincenti per aprire un negozio di scarpe: la guida definitiva!

  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares

Aprire un negozio di scarpe è un’attività che potrebbe rivelarsi redditizia per ogni giovane impreditore intenzionato a lanciarsi in una simile impresa, quasi a voler emulare le gesta di imprenditori di successo come Diego Della Valle.

Il mercato delle calzature, infatti, da anni è in trend positivo anche grazie a figure del genere, per cui è possibile riuscire ad avere un guadagno costante in un settore che è una parte importantissima del Made in Italy, se si agisce in maniera intelligente e oculata.

Andiamo a vedere cosa occorre fare per se il tuo sogno è avviare una rivendita di calzature, andando a spulciare cinque punti vincenti per riuscirci facilmente e in maniera intelligente.

Occhio alle agevolazioni

I giovani che intendono aprire un negozio di scarpe sono aiutati dallo Stato Italiano, che stanzia finanziamenti e agevolazioni a favore delle piccole e medie imprese, come è espresso chiaramente dalla Legge 95/95: l’obiettivo di questa norma è di favorire la nascita di nuove imprese costituite da giovani di età inferiore ai 36 anni.

Occorre dunque un buon business plan e l’aiuto di professionisti capaci per poter disporre di tutti i fondi necessari in modo da partire subito con il piede giusto.

Avere le idee chiare su prodotti e clientela

Questo punto sta alla base di ogni attività commerciale: se non sai che scarpe ti piacciono, sarà difficile venderle al cliente che entra nel tuo negozio e che vuole uscire soddisfatto! Siano essi modelli eleganti o calzature sportive, devi avere le idee chiare su ciò che vuoi offrire al mondo e a chi.

Senza passione e obiettivi chiari, non si va da nessuna parte!

L’analisi della concorrenza

Dare vita ad un’attività del genere vuol dire immettersi in un mercato competitivo, per cui occhio ai tuoi rivali.

Devi analizzare bene i loro punti di forza e i punti di debolezza, scegliere bene la zona, ne concreto visitarla bene di persona e conoscerne ogni centimetro, in cui aprire la tua attività e saperti differenziare dagli altri perché al giorno d’oggi essere originali paga…spesso profumatamente!

Cautela negli investimenti

La capacità di investire ha un grande impatto su una rivendita di calzature: devi essere in grado di sfruttare al meglio le risorse economiche di cui disponi, spendendo il giusto per la pubblicità, lavorando con fornitori seri e assumendo personale gentile e motivato.

Realizza un piano di marketing dettagliato e rivolgiti a professionisti della comunicazione validi per poter promuovere al meglio la tua proposta!

Curare il proprio rapporto con la burocrazia

Per avviare il tuo negozio di calzature dovrai aprire una tua partita iva e le posizioni di INPS ed INAL. Oltre a questo, ci si deve iscrivere al registro delle imprese presso la Camera di Commercio locale e presentare la S.C.I.A. all’ufficio preposto del tuo comune.

Nonostante non siano molte cose da fare, occorre farle bene, altrimenti rischi di aprire tardi! Chiedi aiuto ad un bravo commercialista e comicnia il laoro subito, perché ci sarà da sudare per arrivare a risultati di rilievo!

Conclusione

Se analizzi bene questi cinque punti, capirai che per aprire un negozio di scarpe occorre una strategia di azione ben definita, che ti permetterà di introdurti in un settore capace di darti soddisfazioni solo se sarai in grado di fare un planning adeguato.

Se questo è il tuo sogno, perché non iniziare subito a fare un piano di azione per realizzarlo?

Potrebbe interessarti

Cinque spunti vincenti per aprire un negozio di scarpe: la guida definitiva! ultima modifica: 2018-04-09T10:01:16+00:00 da Dr. Andrea Raffaele