Bruciati 500 mln: il mangia-mangia per ricapitalizzare Unicredit. Mps: allarme bail in

Unioni civili: riformato anche il codice penale
24 febbraio 2017
Intrastat: Sistema degli Scambi Intracomunitari
24 febbraio 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Bruciati 500 milioni di euro per il maxiaumento di capitale da 13 miliardi, quanto l’utile 2016 di Leonardo, ex Finmeccanica, sottoscritto per circa il 95%, mentre l’inoptato verrà offerto in Borsa entro il 10 di marzo. La maggior parte delle adesioni, secondo indiscrezioni, sarebbe dovuta soprattutto all’acquisto da parte di investitori istituzionali, in primis esteri. I principali azionisti della banca, già tutti stranieri, il primo, il gestore americano Capital Research (6,7% del capitale), il fondo di Abu Dhabi, Aabar 5,13%), BlackRock (4,22%) avrebbero confermato la sottoscrizione delle loro quote, se non addirittura accresciuto, mentre la Banca centrale libica (4,22%) vista la situazione in corso nel Paese,non si sa se sia defilata. Le Fondazioni italiane delle Casse di Risparmio hanno ridotto l’investimento sotto la soglia del 5% dal 9% in loro possesso. CariVerona, ad esempio, è passata dal 2,3% all’1,8%, così come Crt scesa dal 2,3% all’1,8%. Quando l’iscrizione del nuovo capitale comparirà nel registro delle imprese si capirà chi comanda in Unicredit (quasi con certezza gli americani). Certo è che per tentare di raddrizzare la schiena ad Unicredit, e a provarne il rilancio sul mercato, c’è voluto un francese, l’Ad Jean Pierre Mustier, perché i vertici italiani che hanno guidato la banca in passato, nonostante 3 aumenti sostanziosi di capitale in 5 anni, sono quasi riusciti ad affossare la banca, peraltro , la seconda d’Italia. Discorso diverso per Mps, che al momento galleggia in balia degli eventi in seno all’Europa. Sulla ricapitalizzazione di 8,8  miliardi, imposta dalla Bce, per evitare il fallimento, si è surrogato lo Stato, ma nonostante le rassicurazioni di Padoan, la soluzione rimane incerta. Infatti, si è innescato un pericoloso cortocircuito tra Bce e Bruxelles. Francoforte sostiene di essere in attesa che la UE approvi il piano di ristrutturazione che la banca sta definendo e convalidi l’aiuto di Stato. Nella capitale belga, invece, pensano che Francoforte debba dare il via libera alla ricapitalizzazione prima che la Commissione UE possa definire i termini della ristrutturazione. Ma c’è di peggio. L’istituto di credito non ha ancora definito il piano industriale per la riammissione del titolo in Borsa, e dalla City di Londra giungono segnali allarmanti sul  ricorso inevitabile al  bail-in.

L’articolo Bruciati 500 mln: il mangia-mangia per ricapitalizzare Unicredit. Mps: allarme bail in proviene da L’Economico.

Related posts:

  1. Il Governo s’inventa il salva-banche da 20mld. Altre lacrime e sangue. Ecco perché
  2. Unicredit minaccia, e censura la stampa libera. Aumento di capitale virtuale. I retroscena
  3. FinecoBank: serio rischio default nel girone infernale Unicredit. Avviso ai clienti


L’Economico

richiedi consulenza

Commercialista RomaStudio Commercialista Roma, Consulenza amministrativa Roma, consulenza fiscale Roma, consulenza societaria Roma, consulenza tributaria Roma, costi contabilita’, difesa dei consumatori roma internazionalizzazione imprese, revisione legale dei conti, ricorso tributario Roma e anatocismo bancario Roma, contrattualistica, controllo di gestione Roma, contenzioso roma, studio tributario Roma

Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Corporate Tax Consultant, Advisor e CTU del Tribunale di Roma con una solida esperienza Aziendale in attività di Amministrazione, Finanza, Controllo di Gestione, Pianificazione Strategica, Business Planning, HR e di gestione di progetti di Start-up aziendali, di Riorganizzazione e Change Management maturata in prestigiose aziende Nazionali e Internazionali