Aprire un ristorante a casa tua? si può fare

  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

Se sei abile in cucina ed i fornelli sono la tua passione, esiste un’interessante e poco conosciuta possibilità per far diventare questa tua passione una fonte di guadagno ed un modo per trascorrere del tempo in compagnia con degli ospiti, anche sconosciuti: aprire a casa tua un home restaurant, un vero e proprio ristorante nella propria abitazione.

Come aprire un ristorante a casa propria: guida all’apertura di un Home Restaurant

Aprire un home restaurant è più semplice di quanto si pensi.

Infatti non è necessario avere una partita IVA, se i guadagni rimangono sotto la soglia dei 5000 euro all’anno, ma basta una semplice ritenuta d’acconto per prestazione occasionale.

Inoltre non è necessario richiedere alcuna autorizzazione poiché essendo un’attività svolta nella propria abitazione non è ritenuta a tutti gli effetti un’attività commerciale di ristorazione con somministrazione di bevande e cibi, ma un semplice invito di “amici”, anche se conosciuti attraverso internet, più vicina quindi ad un’attività di “social eating” con compensi per l’organizzatore molto bassi.

Attualmente non è ancora necessario richiedere quindi un’autorizzazione al proprio comune di residenza, nel caso si voglia avviare questo tipo di attività presso il proprio domicilio, e non sono richieste neppure autorizzazioni di carattere sanitario rilasciate dalla propria Asl di competenza ma seguire solo il quadro regolamentare normativo sulla sicurezza alimentare.

Per partire con l’attività è necessario solo registrarsi su una piattaforma dedicata a questo tipo di servizi (su internet se ne trovano molte) oppure creare una vostra pagina su Facebook per iniziare a trovare i potenziali clienti.
Poi dovrete avere degli spazi nella vostra casa abbastanza accoglienti per ricevere piccoli gruppi di persone, alle quali offrirete le vostre “specialità”.

Come regolarizzare i pagamenti

Dopo avere avviato la vostra attività, per regolarizzare i pagamenti, se l’incasso annuo rimane sotto la soglia dei 5000€ lordi, dovrete rilasciare solo una semplice fattura con ritenuta d’acconto per prestazione occasionale, e sarete esentati dagli obblighi contributivi.

Se i compensi superano invece i 5000€ lordi annui, allora sarà inevitabile aprire una partita IVA.

Novità per il 2018

Attualmente in Parlamento è in discussione un disegno di legge che dovrebbe colmare il vuoto normativo sull’Home Restaurant, che ha permesso di svolgere fino ad ora questa attività in modo semplice e senza nessuna autorizzazione o iscrizione in appositi registri, che prevede numerose restrizioni.

Il testo è stato già approvato alla Camera a Gennaio 2018 ed è ora in attesa del parere del Senato.

Allora ti abbiamo convinto? Sei pronto anche tu ad aprire un Home Restaurant?

Se hai bisogno di una consulenza ed avere informazioni più dettagliate su come diventare anche tu un organizzatore o cuoco di ristoranti a domicilio, puoi contattarci, ed avrai tutte le risposte che desideri.

Potrebbe interessarti

Aprire un ristorante a casa tua? si può fare ultima modifica: 2018-03-28T10:01:34+00:00 da Dr. Andrea Raffaele