Ape sociale e congedo Legge 104: quali sono i vantaggi?

Lavoratori domestici 2017: confermata la contribuzione 2016
27 febbraio 2017
Inidoneità donazione sangue: adempimento prorogato alla denuncia di marzo 2017
27 febbraio 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pensione Anticipata e Legge 104

Cerchi un commercialista? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

L’Ape sociale introdotta dalla Legge di Stabilità 2017 e in vigore a partire dal prossimo 1° maggio prevede la pensione anticipata a 63 anni senza penalizzazioni per i lavoratori che assistono da almeno 6 mesi il parente convivente con handicap grave. Tale misura potrebbe costituire un’ottima soluzione per migliaia di lavoratori in una simile condizione esclusi dalla riforma Fornero e dalle successive salvaguardie esodati.

In che modo? Vediamo di quali benefici potrebbero usufruire con l’Ape i parenti di persone con disabilità grave.

Approfondisci Speciale Pensione Aticipata

Come funziona l’Ape sociale 2017?

L’Ape sociale è la tipologia di anticipo pensionistico che consente a determinate categorie di lavoratori in situazione di difficoltà di andare in pensione a 63 anni (quindi fino a 3 anni e 7 mesi prima del previsto) senza dover ricorrere a prestiti bancari e dunque senza dover restituire alcuna rata. L’intero processo è, in altre parole, a carico dello Stato.

Solo determinate categorie di lavoratori, tuttavia, hanno diritto all’Ape sociale a costo zero. Possono infatti usufruire del beneficio i disoccupati che non percepiscono le prestazione per la disoccupazione da almeno 3 mesi, gli invalidi civili con invalidità uguale o superiore al 74%, i lavoratori dipendenti che svolgono mansioni gravose da almeno 6 anni e, per l’appunto, i lavoratori che assistono da almeno 6 mesi un parente convivente con handicap grave.

La condizione di handicap grave è regolamentata dall’Art. 3, comma 3, della Legge 104/1992.

  • Leggi anche: Pensioni: quali saranno i costi dell’Ape?

Ape sociale: contano i contributi figurativi?

La Legge di Stabilità 2017 stabilisce che per accedere all’Ape sociale i lavoratori che convivono con un parente di primo grado in condizione di handicap grave devono aver maturato 30 anni di contribuzione.

Per averne la certezza bisognerà aspettare la pubblicazione dei decreti attuativi dell’Ape, ma sembra che nei 30 anni di contribuzione necessari potranno essere calcolati anche i contributi figurativi.

Si ricorda, in ogni caso, che l’Ape sociale non può superare i 1.500 euro mensili.

Vai allo speciale Pensione Anticipata: quando e per chi nel 2017

Il congedo Legge 104 di due anni

Diverso il funzionamento del congedo straordinario di 2 anni per assistenza ai familiari handicappati.

Il congedo, previsto dalla Legge n. 53/2000 e dal D.Lgs n. 151/2001, dà diritto a una sospensione dell’attività lavorativa, che può anche essere frazionata, fino a un massimo di 2 anni. Il lavoratore che assiste il familiare convivente e portatore di handicap ha diritto a un’indennità corrispondente all’ultima retribuzione e l’intero periodo è coperto da contribuzione figurativa.

Il periodo dunque, salvo sorprese, dovrebbe rientrare nei 30 anni di contribuzione previsti per l’accesso all’Ape sociale a 63 anni.

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

L’Ape sociale per gli esodati Fornero

L’Ape sociale potrebbe dunque costituire un’ancora di salvezza per i lavoratori che hanno usufruito del congedo straordinario per assistere i parenti disabili e che sono stati in seguito penalizzati dalla riforma Fornero.

La riforma del 2012, infatti, alzando i paletti per la pensione anticipata, aveva provocato casi di esodati tra i parenti di persone con handicap grave che avevano usufruito del congedo contando poi di “agganciarsi” alla pensione. Le successive salvaguardie hanno poi tutelato i genitori di figli con disabilità grave, ma non tutti gli altri parenti di primo grado. L’Ape sociale potrebbe adesso cambiare le cose.

  • Leggi anche: Legge 104/92, le Agevolazioni: permessi, detrazioni e indennità per disabili e familiari


Commercialista Di Roma

richiedi consulenza

Commercialista RomaStudio Commercialista Roma, Consulenza amministrativa Roma, consulenza fiscale Roma, consulenza societaria Roma, consulenza tributaria Roma, costi contabilita’, difesa dei consumatori roma internazionalizzazione imprese, revisione legale dei conti, ricorso tributario Roma e anatocismo bancario Roma, contrattualistica, controllo di gestione Roma, contenzioso roma, studio tributario Roma

Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Corporate Tax Consultant, Advisor e CTU del Tribunale di Roma con una solida esperienza Aziendale in attività di Amministrazione, Finanza, Controllo di Gestione, Pianificazione Strategica, Business Planning, HR e di gestione di progetti di Start-up aziendali, di Riorganizzazione e Change Management maturata in prestigiose aziende Nazionali e Internazionali