Business plan è uno strumento di vendita

Se ti piace il nostro Blog, sarei felice di ricevere un tuo commento qui sotto e una condivisione sui social network. Grazie mille, Andrea
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ogni progetto che si rispetti non può non possedere un adeguato Business Plan.

In cosa consiste questo termine? Si tratta di un documento che riporta tutte le caratteristiche progettuali imprenditoriali indispensabili quando si vuole ottenere un finanziamento.

Si può capire, quindi, l’estrema importanza che riveste questa preparazione allo sviluppo di una qualsiasi attività che richieda un investimento di capitale.

Il Business Plan si compone di diverse parti

da redigere il più accuratamente possibile, per questo motivo spesso è necessario rivolgersi a professionisti del settore.
Vediamo di seguito quali sono i paragrafi essenziali da non trascurare mai:

Descrizione del progetto:

uno schema chiaro e conciso sulle intenzioni imprenditoriali permette una rapida valutazione.
Occorre descrivere sinteticamente le principali qualità della proposta.

Presentazione dei soggetti che parteciperanno al progetto:

occorre individuare le figure che si occuperanno dello sviluppo del piano.
Meglio aggiungere sempre un breve curriculum che sottolinei le competenze specifiche dell’ imprenditore e dei suoi collaboratori.
Inutile aggiungere che saranno presi maggiormente in considerazione professionisti inerenti alla materia presentata.

Analisi e obbiettivi di mercato:

questa è una voce molto importante in quanto si analizza la potenzialità del prodotto, la sua capacità di penetrare il mercato e di essere concorrenziale.
Una buona relazione su questa voce può essere molto convincente.

Piano economico di fattibilità:

chiedendo un finanziamento è necessario anche presentare una lista approssimativa delle spese (quindi dell’ammontare del finanziamento) nonché un piano di rientro e di ammortizzazione delle spese stesse.
Qualsiasi banca o società finanziaria richiederà una dettagliata documentazione.

Marketing:

diffusione e notorietà del progetto sono indispensabili alla sua riuscita.
In questa voce occorre esporre il metodo con cui verrà pubblicizzata l’idea.

Rischio e guadagno:

si tratta di un altro punto fondamentale da non estromettere mai.
Chiunque si esponga con un investimento deve essere chiaramente avvertito sia del presunto guadagno che dell’entità del rischio.

Piano Operativo:

vengono descritti con chiarezza i tempi, i modi e i luoghi dell’impresa.
Si tratta del fulcro del Business Plan: spieghiamo in pratica cosa vogliamo fare, dove vogliamo localizzarci e quanto tempo occorre.
Alcune voci possono sovrapporsi con altri paragrafi ovviamente.

Impatto Ambientale:

sezione, questa, estremamente sensibile.
Non trascurate mai l’impatto sull’ambiente, oggigiorno bisogna fare i conti spesso con questa voce soprattutto se i progetti interessano zone ampie di campagna o vicine a centri abitati.

Queste sono alcune delle caratteristiche di un Business Plan e possiamo osservare come sia estremamente articolato.
Ecco perché, a meno che non siate esperti del settore, è sempre meglio, lo ripetiamo, rivolgersi a un buon professionista.
Il successo dell’obbiettivo finale (finanziamento) è strettamente connesso ad una precisa e convincente compilazione di questo documento.


Se ti piace il nostro Blog, sarei felice di ricevere un tuo commento qui sotto e una condivisione sui social network. Grazie mille, Andrea
  •  
  •  
  •  
  •  
  •