A novembre, la crescita dell’eurozona accelera e tocca il record su 11 mesi


A novembre, la crescita dell’eurozona accelera e tocca il record su 11 mesi

A novembre, il tasso di espansione economica dell’eurozona è accelerato, toccando il record dell’anno, come evidenziato dall’Indice Markit PMI® della Produzione Composita nell’Eurozona finale posizionatasi su 53.9. Tale valore è stato appena inferiore alla precedente stima flash di 54.1, pur mantenendo un record da dicembre 2015.
La crescita della produzione manifatturiera è leggermente rallentata rispetto a ottobre, registrando comunque una crescita poco più rapida dell’attività terziaria. I servizi hanno a loro volta indicato l’espansione più veloce in 11 mesi.
I tassi di incremento più forti si sono avuti in Irlanda e Spagna, entrambe con crescite accelerate (rispettivamente al record su tre e cinque mesi). La Germania, comunque, grazie alla sua dimesione economica, è la nazione che ha maggiormente contribuito, con tassi di incremento variati di poco rispetto ad ottobre.
Registrando un miglioramento rispetto ai deboli incrementi avutisi a settembre e ottobre, l’Italia ha segnato un record di crescita su nove mesi. Nel frattempo in Francia, il rallentamento del settore manifatturiero ha causato una scivolata dell’indice al valore più debole da luglio.
A spingere in avanti l’espansione della produzione dell’eurozona è stata l’altrettanta accelerazione dell’entrata dei nuovi ordini. Il tasso di crescita dei nuovi ordini è stato anche il migliore dell’anno, con incrementi registrati nelle quattro nazioni principali e in Irlanda.
Il rialzo della domanda ha messo sotto pressione le capacità produttive, causando il più rapido accumulo di commesse inevase da maggio 2011. A sua volta, tale incremento ha incoraggiato le aziende ad assumere, segnando il venticiquesimo mese consecutivo di aumento dei livelli occupazionali. Oltretutto, il tasso di incremento raggiunto è stato uno dei migliori degli ultimi cinque anni e mezzo.
Nazioni in ordine di crescita della produzione composita (novembre)
 
Irlanda
55.5
massimo su 3 mesi
Spagna
55.2
massimo su 5 mesi
Germania
55.0 (flash: 54.9)
minimo su 2 mesi
Italia
53.4
massimo su 9 mesi
Francia
51.4 (flash: 52.3)
minimo su 4 mesi
I livelli occupazionali sono aumentati in Germania, Francia, Italia, Spagna e Irlanda. Il maggior aumento si è avuto in Irlanda, Germania e Spagna. Rispetto a ottobre, solo la Germania non ha indicato un miglioramento della crescita occupazionale.
Nel mese di novembre, la pressione sui prezzi ha continuato ad intensificarsi. I prezzi di acquisto sono aumentati al record da maggio 2015, come riflesso della forte accelerazione nel manifatturiero (record su 56 mesi) e del lieve rialzo del terziario (record su quattro mesi). Le quattro nazioni principali hanno indicato tassi di incremento più rapidi. Allo stesso tempo, i prezzi medi di vendita sono aumentati per la prima volta in 15 mesi.
Servizi
L’espansione dell’economia terziaria dell’eurozona è accelerata al record su 11 mesi nel mese di novembre, spinta dal più consistente aumento di nuovi ordini da gennaio. L’ottimismo* tuttavia è leggermente diminuito rispetto agli alti valori di ottobre, segnando un valore inferiore alla media di lungo termine.
L’Indice Markit PMI® dell’Attività Terziaria dell’Eurozona finale ha indicato 53.8, in discesa rispetto alla precedente stima flash di 54.1, pur rimanendo superiore alla soglia di non cambiamento di 50.0 per il quarantesimo mese consecutivo.
La produzione ha registrato un aumento tra le quattro nazioni principali e in Irlanda, ciascuna riportando tassi di incremento maggiori. Il valore più alto è stato registrato in Irlanda, seguita da Spagna e Germania. Anche l’Italia ha indicato una forte espansione dell’attività. In Francia invece, il tasso di crescita è stato modesto.
Nel settore terziario dell’eurozona, flussi maggiori di nuovi ordini hanno causato un’altra impennata del tasso di accumulo del lavoro inevaso, aumentato per il sesto mese consecutivo e al record in cinque anni e mezzo. Tale miglioramento ha incoraggiato le assunzioni, aumentando i livelli occupazionali per il venticinquesimo mese consecutivo.
Tutte e cinque le nazione monitorate dall’indagine hanno riportato livelli occupazionali in aumento: in Irlanda e Spagna (entrambe al record su tre mesi) e Italia (record su quattro mesi). Anche la Germania ha assistito ad un forte aumento degli organici ma ad un ritmo più lento rispetto a ottobre. Dopo il calo marginale del mese precedente, la Francia ha indicato un leggero aumento.
I prezzi medi d’acquisto sono aumentati al tasso più rapido in quattro mesi, soprattutto a causa dei maggiori costi salariali e gli aumentati costi d’acquisto. Parte dell’aumento è stato passato sui clienti con tariffe applicate maggiori. Per la prima volta da settembre dello scorso anno, i prezzi di vendita sono aumentati, ma solo moderatamente.
Germania, Spagna e Irlanda hanno tutte registrato tariffe applicate maggiori. Al contrario, Francia e Italia hanno segnalato ulteriori sconti.
Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit ha detto: «Il PMI dell’eurozona ha indicato a novembre una maggiore espansione economica. Tale miglioramento è sufficiente a segnalare nel quarto trimestre un’accelerazione della crescita del PIL dello 0.4%. Anche le previsioni di chiusura trimestre sembrano promettenti. Le aziende, anziché preoccuparsi dei rischi politici, sembra che stiano ingranando la marcia per crescere ulteriormente. I livelli occupazionali stanno aumentando ad uno dei tassi più rapidi degli ultimi cinque anni. A stuzzicare l’appetito di nuove assunzioni nelle aziende del settore è stato l’ulteriore accumulo di lavoro inevaso, che ha registrato il maggior aumento degli ultimi cinque anni e mezzo. L’euro più debole sembra alimentare la più rapida crescita delle esportazioni nel settore manifatturiero, sebbene anche le aziende del terziario stanno beneficiando di una più forte espansione. Ciò suggerisce che anche la domanda interna sta migliorando.I più rapidi tassi di espansione sono stati ben accolti specialmente in Spagna e in Italia, dove le indagini hanno indicato una crescita del PIL del quarto trimestre rispettivamente dello 0.7% e 0.2%. In Germania, vista la stabilità della crescita, il PMI del quarto trimestre è rimasto in linea con un’espansione del PIL dello 0.5%, mentre la Francia sta registrando un più modesto 0.2-0.3%. Difficilmente i segnali di una crescita stabile nel quarto trimestre e le previsioni di incremento delle pressioni inflazionistiche dissuaderanno la BCE dall’estendere il programma di quantitative easing nel prossimo incontro di dicembre. Ma se continueranno i vantaggi che in questo momento l’eurozona sta avendo soprattutto per l’euro più debole, gli stimoli potrebbero ridursi prima del previsto».

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se ti va di lasciarci un like alla pagina, chiedi informazioni in merito compilando il form qui sotto o in alternativa dici la tua commentando questo articolo alla fine della pagina.
Avvaliti di questo diritto e contribuisci alla costante crescita delle informazioni, perché La libertà di manifestazione del pensiero è uno dei principi Fondamentali nelle Costituzioni

A novembre, la crescita dell’eurozona accelera e tocca il record su 11 mesi
Il Giornale delle PMI

richiedi consulenza

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio


Tag: Commercialista Roma, Consulenza amministrativa, fiscale, legale, societaria, trust, tributaria, costi contabilita’, associzione consumatori roma sportello del cittadino, internazionalizzazione imprese, perizie ctp tribunale roma, ricorso e contenzioso tributario e anatocismo e usura bancaria, Business Coaching aziendale, contrattualistica, controllo di gestione, locazione condominio e compravendita, contenzioso roma, Perizia Econometrica mutui, leasing, conto corrente o cartelle esattoriali

Powered by WPeMatico

CommercialistaDiRoma.Com