Usura nei contratti bancari: impossibile discostarsi dai criteri della Banca d’Italia


Con sentenza n. 17168 del 13 settembre 2017, il Tribunale di Roma ha respinto l’azione avanzata da un cliente nei confronti della propria banca per asserita usurarietà degli interessi nel contratto di mutuo e di conto corrente. Il Tribunale capitolino ha statuito che, ai fini della corretta verifica del rispetto dei tassi soglia usura, non è possibile utilizzare criteri differenti da quelli indicati nelle Istruzioni della Banca d’Italia. Con la decisione qui annotata il Giudice ha poi affrontato – respingendole – le censure mosse dal correntista in punto di illegittimi addebiti in conto corrente, soffermandosi in particolare sulla ripartizione dell’onere della prova.

Commerciale
Author:

CommercialistaDiRoma.Com