Pierrel in denaro dopo i conti. Proposto aumento capitale


(Teleborsa) – Pierrel in bella mostra a Piazza Affari (+1,34%) dopo la comunicazione dei risultati trimestrali al 31 marzo 2017. Il fornitore dell’industria farmaceutica ha realizzato ricavi pari a circa Euro 2,8 milioni (in diminuzione di circa l’8% rispetto al 31 marzo 2016, quando erano pari a circa Euro 3,0 milioni) e una perdita netta Consolidata pari a complessivi circa Euro 2,4 milioni (in peggioramento di circa il 16% rispetto al 31 marzo 2016, quando era pari a circa Euro 2,0 milioni, di cui circa Euro 1,0 milioni negativi rivenienti dal gruppo Relief). 
L’indebitamento finanziario netto consolidato da attività in funzionamento pari a circa Euro 21,7 milioni (in miglioramento di circa il 5% rispetto al 31 dicembre 2016, quando era pari a circa Euro 22,9 milioni).

Approvata l’Operazione di Risanamento che include una proposta di aumento del capitale sociale per un importo massimo, comprensivo di sovrapprezzo, di Euro 35 milioni da offrire in opzione agli azionisti.

Aggiornati i principali obiettivi economico-finanziari per l’anno 2017: ricavi lordi consolidati per circa Euro 16,0 milioni, in aumento rispetto ai circa Euro 15,6 milioni precedentemente stimati e comunicati al mercato in data 14 novembre 2016, e EBITDA consolidato positivo per circa Euro 0,2 milioni, in diminuzione rispetto ai circa Euro 0,5 milioni previsto nel precedente piano industriale.

Approvati i principali obiettivi economico finanziari per gli anni 2018, 2019 e 2020:
– per il 2018, ricavi lordi consolidati per circa Euro 18,3 milioni] e un EBITDA consolidato positivo per circa Euro 1,8 milioni;
– per il 2019, ricavi lordi consolidati per circa Euro 20,9 e un EBITDA consolidato positivo per circa Euro 2,6 milioni.
– per il 2020, ricavi lordi consolidati per circa Euro 23,0 milioni e un EBITDA consolidato positivo per circa Euro 3,4 milioni.

Archiviato in:Finanza

QuiFinanza
Author: redazioneteleborsaxml

CommercialistaDiRoma.Com