I migliori post del 2017


Quali sono stati i migliori post di questo blog per il 2017 “votati” dai lettori?

Il primo è un pop-post, che nasce da una mia tradizione consolidata di osservazione ironica del marketing locale durante le vacanze. Naturalmente Napoli non poteva esimersi dall’analisi — ovviamente si scherza, io sono il primo a dire che il folklore non è la sostanza. Napoli è viva, e non è (solo) quello che il turista vede in giro.
Il futuro del marketing è a Napoli.

Il secondo parla di Amazon, e perché non punta a vendere o a guadagnare, ma a conquistare il mondo, con tutte le conseguenze del caso.
La fase due dell’ecommerce e della conquista del mondo.

Il terzo parla di una cosa scottante: quanto costa e quanto vale la forma più impalpabile e meno misurabile di pubblicità online, gli influencer.
Quanto vale un post di un influencer?

Il quarto analizza la vera creazione di valore del futuro, la possibilità di ricavare dati dai propri utenti e fornire esperienze indimenticabili, personalizzate e uniche.
I ricettori sono il prodotto del futuro.

Il quinto è un affresco di come l’umanità sia sopraffatta dalle immagini, che raccoglie, consuma e conserva. E di come sia pronta ormai a disfarsene.
Sopraffatti dai ricordi digitali

Sei. La sconfitta di Snapchat è palese in Italia, meno negli USA. Instagram ha vinto, ma la lingua di Snapchat è diventata la lingua di internet.
Lo snapchattese ha vinto.

Settimo: in un’internet mobile-only, sempre meno browser, il link e il cookie soffrono. Lo screenshot è il vero segnale di engagement.
Lo screenshot è il cookie del futuro.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

[mini]marketing
Author: Gianluca Diegoli

CommercialistaDiRoma.Com